UNGARETTI SOLDATI COMMENTO

UNGARETTI SOLDATI COMMENTO

UNGARETTI SOLDATI COMMENTO


Commento
Similitudine tra la caducità delle foglie in autunno e la fragilità della
vita umana (si tratta di una similitudine classica presente già nella Bibbia
e in Omero. Anche Virgilio e Dante vi ricorrono per indicare le anime dei
morti in attesa di entrare all’inferno).
Questo breve componimento di Giuseppe Ungaretti si trova nella raccolta
L’Allegria, più specificatamente nella parte dell’opera intitolata Girovago.
Dal punto di vista metrico, la lirica presenta due settenari divisi in
quattro versi e un enjambement tra il primo e il secondo verso.
L’assenza della punteggiatura, come in molte altre liriche di Ungaretti,
accentua la capacità espressiva delle parole.
La poesia ha la forza di una massima: poche parole, un’immagine
semplice e immediata, un significato profondo.
Leggendo il testo notiamo subito come quest’ultimo, insieme a moltissimi altri
presenti nella medesima raccolta, sia attraversato da un presagio di morte.
L’esperienza diretta che il poeta fa della guerra durante il primo
conflitto mondiale, la quotidiana tensione verso la vita nell’atto pratico
della sopravvivenza, porta al culmine tale sentimento.
Soldati rientra esattamente in questo filone tematico: composta nel 1918,
mentre Ungaretti si trovava soldato in trincea nel bosco di Courton
(Francia), esprime il dramma e la precarietà del momento storico e
della condizione umana. I soldati vengono qui paragonati a foglie
autunnali che, ancora appese agli alberi, di lì a poco, inevitabilmente,
cadranno, vittime dello scorrere del tempo.
Al termine “soldati” è però facilmente sostituibile quello di uomini, e
alla guerra è applicabile la più ampia nozione di vita, nel momento in cui
la riflessione ungarettiana si universalizza, e ragiona non più solo ed
esclusivamente sulla tragicità della guerra ma sull’assurdità dell’intera
condizione umana e sulla sua intrinseca natura, condannata ad una
fine come le ultime foglie autunnali degli alberi.


Metrica:

Quattro versi liberi: unendo i versi 1-2 e 3-4 si ottengono due perfetti settenari. L’assenza della punteggiatura, come in molte altre liriche di Ungaretti, accentua la capacità espressiva delle parole.