LE ORIGINI DELLA LETTERATURA ITALIANA

LE ORIGINI DELLA LETTERATURA ITALIANA

LE ORIGINI DELLA LETTERATURA ITALIANA


Primi documenti in lingua volgare

Se pareba boves, alba prataria araba,
albo versorio teneba, negro semen seminaba.

Sao ko kelle terre, per kelle fini qui ke contene,
trenta anni le possette parte Sancti Benedicti.

Sisinnium: Fili de puta, traite!
Gosmari, Albertel, traite!
Falite de retro co lo palo, Carvoncelle!

La letteratura delle origini

  • Lirica religiosa
    – Cantico delle creature

    “Altissimu, onnipotente, bon Signore,
    tue so’ le laudi, la gloria et l’honore et onne benedictione.
    Ad te solo Altissimo se konfano,
    et nullu homo ène dignu te mentovare.”

  • Lirica comico – realistica
    – Tre cose solamente mi so ‘n grado (“donna, taverna, dado”)

    – S’i’ fosse foco, ardare’ ‘l mondo

    “fuoco arderei il mondo
    vento lo tempesterei
    acqua lo annegherei
    Dio lo manderei nel profondo
    papa sarei giocondo che tutti i cristiani metterei in briga
    imperatore sai che farei? a tutti taglierei il capo a tutto tondo
    morte andrei da mio padre
    vita fuggirei da lui
    e ugualmente farei con mia madre
    Cecco come sono e fui, terrei le donne giovani e belle e lascerei agli altri le brutte e le zoppe”

  • Lirica popolareggiante
    – Rosa fresca aulentissima, Ciullo Dalcamo

  • Lirica provenzale
    – La letteratura oitanica
    Ciclo bretone e carolingio

    – La letteratura occitanica
    Lirica provenzale (I comandamenti dell’amore)

  • Lirica d’arte
    – La scuola poetica siciliana
    Federico II di Svevia
    Pier della Vigna
    Jacopo da Lentini
    “Amor è uno desio che ven da core
    Per abundanza de gran plazimento;
    e li ogni in prima generan l’amore,
    e lo core li dà nutricamento.”
    Guido delle Colonne
    Rinaldo D’Aquino
    Giacomino Pugliese
    – La poesia toscana
    Guittone d’Arezzo
    Chiaro Davanzati
    Bonagiunta Orbicciani
    – Il dolce stil novo
    Dante Alighieri
    “I’ mi son un che, quando
    Amor mi spira, noto, e a quel modo
    Ch’è ditta dentro vo significando”
    Guido Guinizzelli
    Cino da Pistoia