Charles Darwin Filosofia

Charles Darwin Filosofia

Charles Darwin Filosofia

L’evoluzionismo biologico, cioè la dottrina secondo cui le specie animali e vegetali si trasformano l’una nell’altra fu concepita di Buffon. Essa non poté trionfare a causa della teoria delle catastrofi di  Cuvier, secondo la quale la terra è stata il teatro di successivi cataclismi che ne hanno cambiato la faccia e le specie viventi. Dopo che quella delle catastrofi fu eliminata da Lyell, mancava ancora la dimostrazione della teoria dell’evoluzione che fu data da Darwin.

Charles dopo un lungo viaggio durato cinque anni si dedicò a raccogliere il materiale per la sua grande opera, L’origine delle specie. Il merito di Darwin consiste nell’aver dato una compiuta e sistematica teoria scientifica del trasformismo biologico basandosi su osservazioni e esperimenti.

La teoria di Darwin si fonda su due ordini di fatti: 1) l’esistenza di piccole variazioni organiche che si verificano negli esseri viventi lungo il corso del tempo che possono essere vantaggiose per gli esseri che le presentano. 2) la lotta per la vita che si verifica tra individui della stessa specie per la tendenza a moltiplicarsi seconda una progressione geometrica. Da ciò segue che gli individui presso i quali si manifestino mutamenti organici vantaggiosi hanno maggiori probabilità di sopravvivere nella lotta per la vita e vi sarà in essi una tendenza pronunciata a lasciare in eredità ai loro discendenti i caratteri accidentali acquisiti. Tale è la legge della selezione naturale. L’accumularsi delle piccole variazioni producono il passaggio da una specie all’altra. Dalla teoria segue che tra le varie specie han dovuto esistere numerose varietà intermedie, ma la selezione naturale le ha eliminate. Darwin crede di aver stabilito l’inevitabile progresso biologico allo stesso modo che il Romanticismo idealistico e socialistico credeva nell’inevitabile progresso spirituale.

Nell’opera la discendenza dell’uomo. Darwin dice che non esiste alcuna differenza fondamentale fra l’uomo e i mammiferi più elevati per ciò che riguarda le loro facoltà mentali. La sola differenza è di grado.

Darwin era agnostico. Egli intendeva per agnostico l’impossibilità di trovare nel dominio della scienza conferme o smentite decisive delle credenze religiose tradizionali. Darwin credeva tuttavia possibile negare decisamente ogni intenzione della natura ovvero la finalità della natura. Era convinto inoltre che l’uomo sarà nel futuro una creatura assai più perfetta di quella che è attualmente e in realtà le sue convinzioni si fondano sul presupposto dell’idea del progresso. Diverso è il darwinismo sociale che estende alla società il concetto di selezione naturale che porta alla giustificazione delle discriminazioni razziste e classiste.


https://www.appunti.info/charles-darwin-filosofia/

Privacy Policy

Cookie Policy

error: Content is protected !!