Gaio Valerio Catullo Vita e Opere

Gaio Valerio Catullo Vita e Opere

Vita.

Biografia incerta. Scarse e incerte sono le notizie su C., di cui non ci è giunta alcuna biografia antica: i suoi carmi restano la fonte principale per la conoscenza della sua vita, se non proprio per le indicazioni più strettamente biografiche e cronologiche (di cui praticamente sono privi), almeno per ricostruirne e comprenderne, in generale, personalità e stati d’animo.

La formazione e l’ingresso nel bel mondo romano. C. proveniva – come altri neoteroi1 – dalla Gallia Cisalpina (ovvero, dall’Italia settentrionale) e apparteneva ad una famiglia agiata: suo padre ospitò più di una volta Cesare nella loro villa a Sirmione, sulle rive del Lago di Garda (come ci informa Svetonio). Trasferitosi a Roma (intorno al 60) per gli studi, secondo la consuetudine dei giovani di famiglie benestanti, C. trovò il luogo adatto dove sviluppare le sue doti di scrittore: trovò, infatti, una Roma nel pieno dei processi di trasformazione (la vecchia repubblica stava vivendo il suo tramonto), accompagnati da un generale disfacimento dei costumi e da un crescente individualismo che caratterizzava le lotte politiche, ma anche le vicende artistico-letterarie. Entrò a far parte dei “neóteroi” o “poetae novi” ed entrò in contatto anche con personaggi di notevole prestigio, come Quinto Ortensio Ortalo, grande uomo politico e oratore, e Cornelio Nepote. Tuttavia, C. non partecipò mai attivamente alla vita politica, anche se seguì sempre con animo attento o ironico o sdegnato i casi violenti della guerra civile di quegli anni (non mancò di attaccare violentemente Cesare e i suoi favoriti, specialmente il “prefectus fabrum” Mamurra: ma Cesare seppe riconquistarlo…). Di contro, nella capitale, un giovane come lui – esuberante e desideroso di piaceri e di avventure – si lasciò prendere dal movimento, dal lusso, dalla confusione, dalla libertà di costume e di comportamento pubblico e privato, che distingueva la vita della città in quel momento. Tuttavia, la sua anima conservò sempre i segni dell’educazione seria, anzi rigorosa, ricevuta nella sua provincia natale, famosa per l’irreprensibilità morale dei suoi abitanti.

L’incontro con Lesbia-Clodia. C. è stato definito, a buon diritto, come il poeta della giovinezza e dell’amore, per il suo modo di scrivere e di pensare: il tema principale della sua poesia è Lesbia, la donna che il poeta amò con ogni parte del suo corpo e della sua anima, conosciuta nel 62, forse a Verona, più probabilmente nella stessa Roma. Il vero nome della donna era Clodia, come ci rivela Apuleio nel “De magia” (chiamata Lesbia, “la fanciulla di Lesbo”, perché il poeta implicitamente la paragona a Saffo, la poetessa e la donna amorosa appunto di Lesbo), identificabile con la sorella del tribuno della plebe (58) P. Clodio Pulcro (agitatore del partito dei “populares” e alleato di Cesare, nonché mortale nemico di Cicerone), e moglie – per interesse – del proconsole per il territorio cisalpino (tra il 62 e il 61) Q. Metello Celere.

Una storia difficile. La storia fra il poeta e Lesbia è molto travagliata: Clodia era una donna elegante, raffinata, colta, ma anche libera nei suoi atteggiamenti e nel suo comportamento: nelle poesie di C. abbiamo, così, diversi accenni allo stato d’animo provato per lei, a volte di affetto e amore, a volte di ira per i tradimenti di lei: tutto, fino all’addio finale.

Il lutto familiare e la crescente delusione d’amore: il viaggio in Oriente. C. era a Roma, quando ebbe la notizia della morte del fratello nella Troade. Tornò a Verona dai suoi e vi stette per alcuni mesi, ma le notizie da Roma gli confermavano i tradimenti di Lesbia (ora legata a M. Celio Rufo, quello stesso che Cicerone difese nella “Pro Caelio”, rappresentando Clodia come una mondana d’alto rango, viziosa e corrotta). Il poeta fece così ritorno nella capitale, sia perché non riusciva a star lontano dalla vita romana, sia per l’ormai insostenibile gelosia. Deciso, infine, ad allontanarsi definitivamente da Roma, per dimenticare le sofferenza e riaffermare il proprio patrimonio, il poeta accompagnò, nel 57, il pretore Caio Memmio in Bitinia, esattamente il dedicatario del “De rerum natura” di Lucrezio. Laggiù, in Asia, il giovane C. entrò in contatto con l’ambiente intellettuale dei paesi d’Oriente; fu probabilmente dopo questo viaggio, dopo essersi recato alla tomba del fratello nella Troade per compiangerlo, che compose i suoi poemi più sofisticati, una volta tornato in patria.

Il ritorno e la morte. C. tornò dal suo viaggio nel 56, e si recò nella villa di Sirmione, dove trascorse gli ultimi due anni della sua vita, consumato fisicamente da un’oscura malattia (mal sottile?) e psichicamente dalla sfortunata esperienza d’amore e dal dolore per la morte del fratello.


Opera.

Il “Liber” catulliano  consta di 116 di “carmi” (per un totale di circa 2300 versi), raggruppati in 3 sezioni non in base ad un ordine cronologico, bensì in base al metro ed allo stile, seguendo un criterio di “variatio” e di alternanza fra temi affini, secondo la mentalità e l’usanza tipiche degli editori alessandrini. Abbiamo, così:

– (cc. 1-60) sono brevi carmi polimetri che C. chiama “nugae“, o “coserelle”, “versi leggeri”: ovvero, espressioni di una poesia intesa come “lusus”, scritta cioè per “gioco”, per passatempo e divertimento, a cui però il poeta stesso consegna la propria profonda e tormentata personalità e augura l’immortalità; i metri più usati sono l’endecasillabo falecio (il più frequente), il trimetro giambico puro, il coliambo, la strofa saffica minore, il priapeo, il tetrametro giambico catalettico, l’asclepiadeo maggiore, il trimetro giambico archilocheo;

– (cc. 61-68) sono definiti “carmina docta“, di maggior respiro e complessità, tal che si è portati ad individuarvi un maggiore impegno compositivo [ma, a tal proposito, vd. oltre]. Si tratta di elegie, epilli ed epitalami nei quali cresce il tono esplicitamente letterario, lasciando naturalmente ancora spazio alle caratteristiche catulliane: ovvero, l’epitalamio per le nozze di Manlio Torquato; un altro epitalamio, in esametri, studiata e felice trasposizione moderna di Saffo; l’ “Attis”, poemetto in versi galliambi, strana evocazione dei riti dedicati alla dea Cibele, un pezzo di bravura callimachea; il celebratissimo carme 64, vasto epillio per le nozze di Péleo e Tétide (con inclusa la storia di Arianna), che è una piccola epopea mitologica sempre alla maniera di Callimaco; la traduzione in esametri della “Chioma di Berenice” di Callimaco, preceduta dalla dedica all’amico Ortalo in distici elegiaci; un’elegia epistolare di gusto alessandrino, che ricorda il tempo felice dell’amore di Lesbia.

– (cc. 69-116) sono carmi brevi e di presa immediata, o “epigrammata” (epigrammi, elegie): i temi sono praticamente gli stessi del I gruppo, ma resi con metro diverso: il distico elegiaco. 

Il “liber” è dedicato a C. Nepote [c. 1], ma esso non è certamente il “libellus” della dedica, nel senso che questo doveva comprendere, per esplicita dichiarazione del poeta stesso, solamente le “nugae”, e non anche i “carmina docta”, come invece noi lo possediamo. L’opera, quale a noi è giunta, è – dunque – con molta verosimiglianza, una raccolta postuma, nella quale accanto ai carmi del “libellus” trovò definitiva sistemazione il corpus – non però integrale – della produzione poetica catulliana: insomma, di quella produzione, esso sarebbe una raccolta antologica.


Considerazioni sull’autore e sull’opera.

Le “nugae” e il difficile rapporto con Lesbia. Il I e il III gruppo costituiscono, come detto, le “nugae”, a cui è consegnata tutta la storia dell’amore di C. per Lesbia, “frammentata” in 25 carmi che percorrono trasversalmente i due gruppi [cc. 2, 3, 5, 7, 8, 11, 36, 37, 38, 40, 43, 51, 58, 70, 72, 75, 76, 79, 83, 85, 86, 87, 92, 107, 109]. Le peripezie di questa vera e propria autobiografia d’amore “romanzata”, proprio a causa di questa frammentazione e di una disposizione non cronologica delle varie tappe del rapporto, non ci appaiono molto chiare: dovettero esservi giorni (e per lo meno una notte) di felicità, ma anche molte sofferenze, giacché Clodia, checché se ne dica, prestava grande attenzione alla propria reputazione e al suo onore di gran dama, e anche, molto più probabilmente, perché lei e C. non concepivano l’amore nello stesso modo. Egli l’amava con la foga di un uomo giovane, si compiaceva nel fantasticare sull’idea che Clodia fosse per lui “la sua sposa”; a lei, invece, quel nodo nuziale, dal quale la morte di Metello la liberò peraltro piuttosto presto, ripugnava. Clodia, inoltre, era una donna che aspirava al successo e che amava civettare con uno stuolo di giovani al suo fianco: C. era solo uno fra i tanti, mentre avrebbe desiderato essere l’unico, in nome degli illusori diritti che dà l’amore. Quando si avvide che non era più amato, o quando se ne persuase, lo proclamò ad alta voce in versi atroci, dove pretendeva che Lesbia addirittura si prostituisse con chi le capitava. Seguì la separazione, dolorosa per lui e forse non senza noie per lei: “Amo e odio”, le scriveva, “tu vuoi sapere perché è così? Non so, ma so che è così, e soffro.”

Il disimpegno e la rottura. Dunque, nel rapporto con Lesbia C. programmaticamente (e in piena fedeltà alla poetica neoterica) trasferisce tutto il proprio impegno, sottraendosi ai doveri e agli interessi propri del “civis” romano (del resto, sebbene vissuto in un’epoca di grandi cambiamenti politici, egli nelle sue composizioni dimostra una grande indifferenza per le situazioni e per gli uomini più in vista, quali ad es. Cesare e Cicerone): tende insomma a ritagliarsi una sorta di “spazio del privato” (“otium“), dove vivere e parlare esclusivamente d’amore.

Orbene, come detto, quel rapporto amoroso – nato essenzialmente come adulterio, come amore libero e basato sull’eros – nel farsi oggetto esclusivo dell’impegno morale del poeta tende però, paradossalmente, a configurarsi nelle aspirazioni dello stesso come un tenace vincolo matrimoniale; o quantomeno come un “foedus“, un ibrido originale – se vogliamo – dei due valori cardinali dell’ideologia e dell’ordinamento sociale romano (la “fides” e la “pietas”), trasferiti dal piano pubblico ad un piano più decisamente “privato”, e quindi rinnovati nel loro significato.

Tuttavia, l’offesa ripetuta del tradimento (il “foedus violato”) produce in C. una dolorosa dissociazione fra la componente meramente sensuale (“amare“) e quella profondamente affettiva (“bene velle“), fin allora profondamente ed esistenzialmente intrecciate: resta forte il desiderio sessuale, mentre l’affetto, a fronte delle delusioni e del tormento della gelosia, diminuisce man mano d’intensità.

Gli altri temi. Tuttavia, il “Liber” catulliano non coincide esclusivamente e completamente con la tormentosa storia tra il poeta e Clodia (come invece spesso si pensa): accanto e in mezzo ad essa, quasi a formarne la cornice “di costume e società”, si trovano numerosi altri carmi, cui sono consegnati gli altri “temi” che vanno a intarsiare la sfaccettata e complessa esistenza del poeta. La varietà di quei temi impone che se ne rilevino (come del resto è stato fatto anche da critici illustri) almeno i più “importanti” o quantomeno i più caratterizzanti, tal che sia possibile individuare dei veri e propri “cicli” alternativi e integrativi rispetto a quello amoroso: si trovano, così, carmi rivolti contro “vizi privati e pubbliche virtù”, ovvero di polemica scopertamente sociale [ad es., contro i mediocri, i truffatori, gl’ipocriti e i moralisti] e letteraria [C. flagella i poeti che seguono le orme del passato, come ad es. Volusio], ma anche larvatamente politica [ad es., l’ironia contro il già detto Mamurra, un fidato di Cesare], in tono volentieri scurrile, satirico e spesso goliardico; carmi dedicati al tema dell’amicizia [per Veranio e per Fabullo, più spontanea; per Calvo e Cinna, più letteraria], un sentimento che C. vive quasi con la stessa intensità con cui vive l’amore (e altrettanto sdegnato e iroso è nei confronti degli amici che lo hanno tradito, ad es. Alfreno Varo); carmi, infine, che esprimono profondi affetti familiari e altissimi vincoli di sangue (alto è il senso della famiglia, in C.; non dimentichiamo, del resto, che il poeta voleva sublimare a livello “familiare” lo stesso sentimento provato per Lesbia): tra questi ultimi, spicca sicuramente il bellissimo c. 101, estremo e commovente saluto sulla tomba dello sfortunato fratello.(cfr. Foscolo “In morte del fratello Giovanni”)

Continuità tra “nugae” e “carmina docta”. Il II gruppo di carmi (61-68), invece, come accennato, è quello che più lega C. al movimento neoterico, e quello che più corrisponde alla variante romana del gusto alessandrino.

Ma la critica recente ha sottolineato come la distinzione tra “nugae” e “carmina docta” non implichi in C. l’impiego di un diverso impegno letterario o di una tecnica differente, bensì solo di un diverso livello espressivo: si tratta, insomma, in entrambi i casi, sempre di una lirica dotta e aristocratica (come i fruitori dell’opera), secondo i canoni estetici dei neoteroi, anche laddove l’effetto patetico e certe movenze apparentemente dimesse potrebbero far pensare ad un’espressione, per così dire, “popolare” (è, invece, come più giustamente è stata definita, “ricercata spontaneità”).

La lingua. La stessa lingua utilizzata è il risultato di un originale impasto di linguaggio letterario (uso di grecismi ed arcaismi) e “sermo familiaris” (uso di diminutivi, di espressioni prosastiche, proverbiali e “provinciali”), il secondo “filtrato” dal primo, a formare uno strumento agile e vivace, che riesce ad adattarsi ai temi, alle occasioni e ai registri più svariati: dall’affetto all’amore, dall’ironia all’invettiva, dall’intimo al pubblico.

C. primo vero poeta romano dell’amore “soggettivo”. L’opera di C., anche se non è ancora quella di un “elegiaco”, è comunque l’espressione vivente di un sentimento personale e profondo, che ha già acquistato diritto di cittadinanza nella poesia: egli fa dell’amore (e attraverso questo, della poesia) l’unica ragione di vita, anzi in lui amore poesia e vita veramente coincidono. Per ciò che conserva ancora in sé di tumultuoso, di ricercato e, in qualche modo, di impuro, C. è da mettere fra i predecessori immediati (ma è l’unico di essi ad emergere) piuttosto che fra i poeti augustei, che formeranno in seguito il “classicismo” della poesia (anche “erotica”) romana.


La poetica

L’esperienza poetica di Catullo matura nell’ambiente dei poetae novi, che legano strettamente le proprie opere con la cultura ellenistica; trova affermazione la “poesia breve”, fatta di pochi versi, ma scritti con stile e profondi di significato.

Questa tendenza è particolarmente evidente in Catullo: la brevitas dei polimetri e degli epigrammata, l’elogio teorico, la lunga elaborazione stilistica, le variazioni espressive e le citazioni allusive sono tutti modelli che prendono spunto dalla cultura greca.

La lirica catulliana non si limita tuttavia ad una semplice imitazione della poesia greca; la personalità del poeta è evidente soprattutto nel soggettivismo che rispecchia le vicende sentimentali.

La componente soggettiva nella poesia latina era già presente nelle satire di Scipione su Lucilio, ma solamente i poetae novi hanno saputo infondere i propri sentimenti, opinioni e giudizi nel testo. Per apprezzare il soggettivismo catulliano bisogna da una parte prendere le distanze dal sentimentalismo a volte eccessivo, dall’altra non bisogna credere che le situazioni narrate siano solamente semplici finzioni letterarie. Il giusto equilibrio tra questi due livelli di interpretazioni assicura sia un effetto immediato sul sentimento del lettore, sia l’innalzamento al livello dell’arte dal filtro della convenzione letteraria e dell’emulazione di modelli ellenici che rende l’opera ad una cerchia ristretta di lettori.


La lingua

La personalità di Catullo è individuabile dopo un’attenta analisi del suo stile e della sua lingua. I suoi sono mezzi espressivi che aderiscono puntualmente alla cosa espressa e alla circostanza storica che ne fa da presupposto. Una forte spontaneità è testimoniata dalle scelte delle sfumature linguistico – espressive: forme d’uso quotidiano nei pensieri più euforici, linguaggio pacato nei discorsi che il poeta fa con se stesso. Abilmente vengono create infinite sfumature stilistiche con l’utilizzo dei mezzi più disparati: uso dei vocaboli, dei composti nuovi, del ritmo, delle assonanze. Uno stile che riveste di intimità raccolta gli episodi occasionali e privi di rilievo affettivo, e che invece diventa colorito da una passione sfrenata quando si entra nella sfera affettiva, specialmente quella erotica. Non sempre è possibile intravedere il proponimento reale che il poeta ha voluto dare ad una particolare forma espressiva: talvolta il pathos può nascondere un’idea sarcastica, un tratto serio può improvvisamente rivelarsi uno scherzo. Con disinvoltura Catullo mescola nelle sue opere vocaboli attinti ora dal frasario plebeo, ora dai circoli culturali più raffinati.

Confrontando la sua lingua con quella di Plauto, vissuto ben due secoli prima, si possono individuare numerose concordanze, come lo stesso fondo linguistico, molto spesso tendente all’arcaico.

Quando si parla del sermo cotidianus di Catullo ci si riferisce all’intenso uso dei diminutivi che egli fa nelle sue opere. Sono caratteristiche stilistiche molto simili a quelle usate nella commedia. A volte i diminutivi non hanno un significato direttamente traducibile, altre volte è invece possibile scorgere un senso ironico, commiserevole o affettuoso.

L’intonazione familiare è resa abilmente dall’uso dei grecismi: non solo modi particolari di dire, usati per adoperare un riferimento dotto a certi modelli letterali greci, ma anche vocaboli prelevati dal frasario greco, usati per riferirsi a cose importate che in latino non possiedono un nome (vestiti femminili, termini nautici, botanici e zoologici). Lo stesso influsso greco è presente anche nella sintassi che spesso segue regole di origine ellenica non presenti nella grammatica latina.

Un ruolo fondamentale svolgono le figure retoriche, frequentissime nelle opere di Catullo, soprattutto le allitterazioni in tutte le sue forme. Queste, insieme alla metrica neoterica sperimentale di derivazione greca, che riesce a rompere la monotonia delle poesie esametriche, conferiscono un ritmo particolarmente scorrevole ed aperto a nuove ed innumerevoli espressioni poetiche.


Catullo e Lesbia

Il primo quesito con cui il lettore si scontra leggendo le liriche di Catullo riguarda la figura di Lesbia. Non si hanno dati certi per sapere se questa persona, tanto amata dal poeta nei suoi componimenti, fosse esistita realmente o non fosse invece una semplice invenzione letteraria.

Il primo dato certo è che “Lesbia” non è il vero nome della donna, ma solamente uno pseudonimo utilizzato dal poeta per alludere alla poetessa greca Saffo, vissuta nell’isola di Lesbo nel VII secolo. Questa scelta ci indica un’informazione importante: Catullo ha voluto descrivere implicitamente una donna docta, raffinata e molto bella, qualità che destano nel poeta intense passionalità erotiche. Il vero nome molto probabilmente è Clodia, e anche se questa tesi ha avuto diversi oppositori sia da parte di studiosi letterali che da storici, oggi può essere considerata vera.

Altro aspetto interessante da analizzare è il procedere della vicenda. Pur non essendoci una stretta coerenza compositiva, quest’ultima segue una certa logica narrativa: prima il momento dell’amore felice e sfrenato (carmi 5, 51); poi la scoperta del tradimento di Lesbia; le successive riconciliazioni, che risvegliano il fervore erotico ma non sono più sostenute dall’affetto profondo, che può nascere solo dalla stima (carme 72); di conseguenza Catullo non crede più alle promesse di Lesbia (carmi 70, 75); la consapevolezza dell’unilateralità del suo amore, che si tramuta in un complesso sentimento di odio – amore che ogni giorno diventa più tormentoso; la volontà di liberarsene (carme 70), pur nella continuità del rapporto (carme 85). Oltre alla relazione tra Catullo e Lesbia, vicenda cardine nella narrazione, è possibile individuare altri dati biografici sulla vita di Clodia, prima fra tutte, la sua avventura con Celio Rufo avvenuta dopo la morte del marito. È una donna affascinante e sicura di sé, molto risoluta ed ambiziosa, senza troppi scrupoli; nel carme 37 Catullo ce la descrive come una donna che ha diversi legami con l’ambiente politico, non ha limiti morali ed ha comportamenti al limite del buon gusto. L’eccessiva violenza verbale del poeta dimostra la sua rassegnazione a vedere la sua amata come una meretrice da strada intorpidita da sfrenata spregiudicatezza.

La stessa configurazione negativa è presente anche in alcuni discorsi di Cicerone in difesa dell’amico Celio Rufo, accusato di aver avvelenato la sua donna Clodia (che quasi sicuramente è Lesbia) per sottrarle i gioielli. Nel suo discorso Lesbia appare come una donna profondamente immorale, colpevole di aver avuto rapporti incestuosi con il fratello, vista più come “amica di tutti piuttosto che nemica di qualcuno… “


(liberamente tratto da Nunzio Castaldi) 
 
 Sulla costa meridionale del lago di Garda, all’estremità della penisola di Sirmione, in una splendida posizione panoramica si trovano i resti della villa romana nota da secoli con il nome di “Grotte di Catullo”, l’esempio più grandioso di edificio privato di carattere signorile di tutta l’Italia settentrionale. Nel Rinascimento il nome di “grotte” o “caverne” fu usato per strutture internate e crollate, ricoperte di vegetazione, entro le quali si penetrava come in cavità naturali.

La tradizione risalente al XV e XVI secolo ha identificato questo complesso come la villa di famiglia di Catullo, il poeta latino morto nel 54 a.C. In base alla testimonianza dei versi di Catullo è certo che egli

avesse a Sirmione una residenza, ma che fosse proprio in questa zona è soltanto possibile. Sirmione apparteneva all’agro veronese ed è nota nel mondo antico anche per essere stata una stazione di sosta (mansio) lungo l’importante via che univa Brescia a Verona. La prima rappresentazione dettagliata dei resti della villa è un rilievo dell’inizio dell’Ottocento.

Ampi scavi furono poi effettuati dal veronese Girolamo Orti Manara, che ne pubblicò i risultati in un’opera ancora oggi fondamentale.

La Soprintendenza ha iniziato nel 1939-40 gli scavi e i restauri e nel 1948 ha acquisito tutta l’area, permettendo la tutela del complesso immerso nel suo ambiente naturale. Indagini recenti hanno consentito di accertare l’esistenza di un precedente edificio al di sotto dei vani del settore meridionale e di confermare che la costruzione attualmente in luce è stata realizzata con un progetto unitario che ne ha definito l’orientamento e la distribuzione degli spazi interni, secondo un preciso criterio di assialità e di simmetria.

La villa, che ha pianta di forma rettangolare (m. 167 x 105), con due avancorpi sui lati brevi, copre un’area complessiva di oltre due ettari. Per superare l’inclinazione del banco roccioso su cui furono appoggiate le fondazioni dell’edificio, vennero creati grandi vani di costruzione, mentre in alcune zone si resero necessarie opere imponenti di taglio della roccia. I resti attualmente conservati si trovano così su livelli diversi: del settore settentrionale ad esempio sono rimaste solo le grandiose costruzioni, mentre nulla è conservato dei vani residenziali, crollati già in antico.

Il piano nobile, corrispondente agli ambienti di abitazione del proprietario, risulta il più danneggiato (la villa è stata per secoli una cava di materiali), mentre meglio conservate sono parti del piano intermedio e le costruzioni, a volte non accessibili in antico. I nomi convenzionali degli ambienti derivano da una tradizione locale consolidata o da interpretazioni e denominazioni date durante vecchi scavi.

La villa era caratterizzata da lunghi porticati aperti verso il lago sui lati occidentale  e orientale, direttamente comunicanti sul lato settentrionale con l’ampia terrazza – belvedere situata al centro dell’avancorpo nord (D). Sul lato occidentale, al di sotto del porticato si trovava il cd. “doppio criptoportico”, lunga passeggiata coperta. Le parti residenziali dell’edificio erano situate nella parte settentrionale e meridionale, mentre la parte centrale, costituita oggi dal “grande oliveto”, corrispondeva a uno spazio aperto (C). Questo è limitato sul lato meridionale da un pavimento in mattoni a spina di pesce che copre una grande cisterna, di quasi 43 metri di lunghezza. L’ampio settore termale, costituito da diversi vani, ricavati probabilmente in un momento successivo alla costruzione dell’edificio, all’inizio del II secolo d.C., era situato nella zona meridionale (84-96).

La costruzione della villa può essere datata ad età augustea (fine I secolo a.C.-inizio I secolo d.C.). Il crollo delle strutture e il conseguente parziale o totale abbandono dell’edificio sono fissati nel IV secolo d.C., periodo cui sono attribuibili diverse tombe a inumazione collocate in una parte della villa ormai distrutta.

Romani indicavano con la parola “terme”2 i bagni sia privati che pubblici, mentre per noi oggi questa parola si riferisce a stabilimenti che sfruttano sorgenti di acqua calda. Nelle “grotte di Catullo” le terme sono state costruite nella parte meridionale (vedi figura “la ricostruzione” a pag. 6) nel Il secolo dopo Cristo, circa un secolo dopo la costruzione della villa.

II settore termale ha un’estensione di quasi 800 mq e comprende vari ambienti. Purtroppo alcune di queste stanze sono state fortemente danneggiate e quindi oggi è difficile ricostruire la loro esatta funzione. L’ambiente meglio conservato è la cosiddetta “piscina“. Si tratta di un grande vano rettangolare che ospitava una vasca. Il pavimento di quest’ultima era rialzato, probabilmente sostenuto da pilastrini (= pilae), e si trovava sopra gli archi presenti lungo le pareti. Dietro alla “piscina” c’era un ambiente dove probabilmente veniva acceso il fuoco (=praefurnium). L’aria calda ed il fumo prodotti entravano in un’intercapedine (= spazio vuoto esistente tra due muri) che circonda la piscina e che doveva arrivare fino al soffitto. Attraverso gli archi quest’aria circolava anche nell’area sotto al pavimento (= ipocausto) e così l’ambiente veniva riscaldato. I costruttori hanno utilizzato molti mattoni nei muri per fare in modo che il calore non si disperdesse tanto facilmente.

Per le sue caratteristiche è probabile che questo ambiente fosse il tepidarium, ossia la stanza dei bagni con la vasca di acqua tiepida. L’ambiente per l’acqua calda (il calidarium) era di dimensioni inferiori ed anziché avere un’unica grande piscina possedeva piccole vasche poste agli angoli della stanza e destinate non a nuotare, ma ad immergere una parte del corpo. Anche il calidarium si trovava vicino al forno di riscaldamento. Infine l’ambiente per l’acqua fredda (il frigidarium) aveva al centro una vasca poco profonda sui cui bordi, decorati a mosaico, le persone potevano sedere.

Nelle terme delle “grotte di Catullo” sono presenti anche altri ambienti, oltre a quelli descritti, la cui funzione non è però chiara. Per la decorazione di alcune pareti sono stati impiegati, stucchi ritrovati durante gli scavi. Nelle vasche non veniva utilizzata l’acqua del lago a causa del notevole dislivello che la separa dall’edificio. Per risolvere il problema dell’approvvigionamento idrico sono state costruite nella zona termale tre cisterne in cui veniva raccolta l’acqua piovana. Due di queste cisterne si trovano alle spalle della “piscina”, mentre la terza, un tempo mal interpretata come il “bagno” di Catullo è posta vicino all’ingresso della villa. L’acqua veniva estratta dalla cisterna e convogliata verso le terme attraverso tubi di piombo, le cosiddette fistule, che per i Romani erano le tipiche condutture per l’acqua.

Nelle terme pubbliche, che erano più complesse di quelle private, oltre alle stanze con le vasche vi erano spogliatoi, palestre, spazi aperti (come giardini e cortili), sale per conferenze e letture, latrine e ambienti destinati alla cura del corpo.

I Romani quindi frequentavano le terme alla ricerca non solo di benessere fisico, ma anche di momenti d’incontro.