GLI UNNI ERANO UN POPOLO

GLI UNNI ERANO UN POPOLO

GLI UNNI ERANO UN POPOLO


Gli unni erano un popolo barbaro che viveva in Asia centrale e settentrionale. Era un popolo che aveva origini sconosciute, perché non hanno lasciato nessuna traccia del loro passato. Solo a partire dal VI-VII secolo d.C. si sono trovate tracce di questo popolo nordico. Infatti gli unni migrarono verso sud, vero l’Europa. Vivevano in tribù primitive, con capanne fatte in paglia e legno. Ma sapevano cavalcare molto bene e usare armi primitive (arco, frecce, spada) con una grande maestria. I bambini unni, fin da piccoli, erano abituati ad usare l’arco con le frecce e a cavalcare. Gli archi unni erano potentissimi: infatti erano fatti di corno di cervo e tendine di animale. Per tendere questo arco ci voleva una forza sovrumana, che permetteva alla freccia di raggiungere una potenza e una velocità impressionante. Gli arcieri unni cavalcavano a cavallo, scagliando anche trenta frecce al minuto.

Nel VI-VII secolo d.C., gli unni scesero a sud, vero l’Europa comandati dal loro capo “Attila”. Attila attraversò tutta l’Europa devastando città e villaggi, bruciando tutto e tutti. Attila e i suoi uomini si scontrarono contro le legioni romane. La tecnica usata spesso da Attila contro i romani, era semplice, ma devastante. Infatti consisteva in due file di arcieri, la seconda scagliava frecce in alto, costringendo ai romani di alzare gli scudi, lasciando aperto il lato laterale. La prima fila di arcieri unni scagliava frecce orizzontalmente, colpendo così i romani che si trovavano in prima fila. Attila arrivò fino alle porte di Ravenna, ma fu fermato dal Papa Leone X (si dice che Attila si spaventò vedendo due santi sulle spalle del Papa). Attila si ritirò sulle sponde del Reno, dove fu sconfitto dalle legioni romane. Alla fine ritornò nei territori asiatici, dove morì di cause misteriose. Gli unni, dopo la morte di Attila, si divisero in tante tribù perennemente in lotta tra loro. Era una vra e propria guerra civile, che causò la scomparsa degli unni.