Dominique Lapierre La città della gioia Riassunto

Dominique Lapierre La città della gioia Riassunto

Dominique Lapierre La città della gioia Riassunto


“La città della gioia” è un libro scritto da Dominique Lapierre e pubblicato per la prima volta in francese nel 1985. I fatti si svolgono soprattutto nella bidonville di Calcutta, dove si snodano tutti gli accadimenti successivi, ma all’inizio il luogo principale è un altro: il Bengala. Questo è scritto in prima persona ed è la storia di un contadino indiano alla ricerca della propria dignità. Hasari Pal è un contadino di trentadue anni che mantiene la propria famiglia coltivando con un duro lavoro il riso.
La riuscita del raccolto infatti è determinata soltanto dal monsone. Questo fatto sta a testimoniare che nei paesi del terzo mondo, la mancanza di mezzi adeguati e l’arretratezza delle conoscenze, portano gravi danni all’agricoltura e quindi di conseguenza alla popolazione stessa che lotta con tutte le sue forze per cercare di produrre di più e più volte all’anno. Per molti anni la famiglia di Hasari aveva vissuto abbastanza tranquillamente poiché il monsone era sempre arrivato con una certa puntualità, ma quell’anno non era destinata ad andare come gli altri. Infatti quel fenomeno atmosferico tipico dell’ India si fece aspettare a lungo, provocando la distruzione dei raccolti di un anno e la disperazione di migliaia di famiglie. Hasari Pal allora, messo alle strette,decise di trasferirsi a Calcutta con la sua famiglia per cercare un altro lavoro che fosse più redditizio di quello dl contadino.

Inizialmente essi furono costretti a vivere sul marciapiede della stazione, ma dopo trovano un catapecchia nella bidonville chiamata appunto “La città della gioia”. L’ex contadino bengalese a questo punto trova lavoro come conducente di risciò. Questo mestiere, però, non era come se lo prospettava Hasari prima di praticarlo poiché comportava una grande fatica e il salario era veramente da fame. Comunque era l’unico mezzo di sopravvivenza di cui disponeva e per questo continuava a praticarlo e, con qualche piccola difficoltà iniziale, riuscì proprio a diventare espero del mestiere. Ma questo maledetto lavoro gli provocherà, poi, la morte a causa della febbre rossa proprio il giorno delle nozze di sua figlia. Hasari, siccome voleva creare un futuro ai suoi figli,fece anche delle pazzie: una fu quella di vendere il proprio sangue. Fare questa azione comportava grandi rischi, ma all’uomo risciò non importava, poiché diceva <<per i figli si fa questo ed altro>>. Un altro personaggio che caratterizza la storia della “Città della gioia” è Max Loeb, giovane medico statunitense che deluso e amareggiato sotto il profilo professionale lascia il suo paese e va in India, alla ricerca di qualcosa che gli restituisca il senso dell’esistenza , intraprendendo un lungo viaggio dalla ricca America alle bidonville di Calcutta. Ma la realtà che lo aspetta è veramente impressionante: malattie, miseria, degradazione, un vero e proprio inferno. Comunque il medico statunitense non si perde d’animo di fronte al terribile spettacolo della miseria, infatti proprio per dare una mano a tutta quella gente in difficoltà costruisce una specie di lebbrosario in casa sua per curare i malati della bidonville. Naturalmente l’aiuto che dà alla città della gioia è soltanto una goccia d’acqua in mezzo ad un mare di morte ma comunque è sempre un soccorso, una mano tesa sempre pronta a prostrarsi verso il prossimo.

Hasari Pal e Max Loeb un giorno si incontrano nella bidonville di Calcutta e da qui in poi diventeranno veramente grandi amici, aiutandosi l’uno con l’altro e vivendo giorno per giorno insieme, sempre all’insegna dell’amore e della pace. Comunque un altro personaggio che appare in questo romanzo è Poul Lambert, sacerdote francese stabilitosi a Calcutta per dividere con i più diseredati i disagi di un’esistenza inumana. Durante il periodo nel quale il monsone era atteso da miglia di persone in India, proprio nelle zone intorno a Calcutta si scatenò un’altra catastrofe che accentrò ancor di più la miseria di questa povera gente: un uragano. Questo, in pochi minuti distrusse tutto quello che una volta era stato costruito dall’uomo. Ma la popolazione dell’India è una popolazione fiera e soprattutto credente. Proprio grazie a questo la gente è sempre pronta a rimboccarsi le maniche e a ricominciare una nuova vita, forse anche migliore di quella di una volta.
Tutto questo è simboleggiato da una bambina che in mezzo ai cadavere e alle macerie ride, inconsapevole dell’accaduto.I temi di fondo del libro “La città della gioia” sono molteplici: naturalmente quello che spicca di più fra tutti è la povertà. Questa è alimentata da se stessa poiché la povertà limita le conoscenze, limita quindi il raccolto e di conseguenza la popolazione muore di fame. Tutta l’agricoltura, soprattutto quella dell’India è legata ad un solo fattore: il monsone. Senza di quello tutta l’economia andrebbe in tilt e anche la popolazione ne risentirebbe molto. Questo è il caso di Hasari. Comunque un altro argomento che caratterizza ancora di più questo libro è l’aiuto. Due persone soprattutto sono quelle che in questo testo si sono caratterizzate per il loro amore per il prossimo e soprattutto per il rispetto reciproco fra esseri umani: Max Loeb e Paul Lambert. Il primo ha lasciato tutti gli agi che gli poteva offrire la ricca e potente America per andare a soccorrere i più bisognosi e i più diseredati delle bidonville di Calcutta. Il secondo invece, per spirito vocativo, è andato ugualmente nella città della gioia per dare una mano a chi riterrà opportuno. Dominique Lapierre ama raccontare i fatti accaduti descrivendo minuziosamente tutti luoghi che vengono toccati dal suo racconto. Per esempio quando ci viene presentato l’ospedale di Calcutta, ci viene descritto come un luogo dove la sanità è all’ultimo d’importanza. Dove la pulizia non sembra mai essere stata inventata e dove i malati vanno lì non più per essere curati ma per aspettare la fine della propria esistenza insieme ad altra gente.

Il libro è scritto in una forma molto comprensibile, a mio parere adatta alla nostra età e ho notato una cosa in questo testa che ha risaltato ancor di più la sua bellezza: la brevità delle proposizioni. Questo metodo permette al lettore di leggere con più semplicità il testo e lascia un senso i modernità sulla mente di chi legge. Alla fine di tutte queste analisi posso affermare con certezza che questo libro è veramente interessante. Ti prende e ti porta in un mondo diverso, peggiore che prima conoscevo a malapena. Mentre leggevo mi immedesimavo in Hasari e, ad ogni scelta che il contadino prendeva, mi fermavo e riflettevo su come avrei reagito io in quella situazione. A mio modo di vedere un libro si può veramente definire bello soltanto quando il lettore riesce veramente ad entrare nel protagonista o in un altro personaggio: soffrendo e gioendo insieme a lui poichè la vita, si sa, ci presenta sempre nuovi ostacoli da oltrepassare. Questo libro lo consiglierei ad un ragazzo delle mia stessa età, curioso come me, che vuole conoscere più approfonditamente la vita e i disagi delle popolazioni molto lontane da noi, per capire quanto siamo stati fortunati a nascere nel nostro paese.