SOLILOQUIO CATULLO

SOLILOQUIO CATULLO


Miser Catulle, desinas ineptire,

et quod vides perisse perditum ducas.

Fulsere quondam candidi tibi soles,

cum ventitabas quo puella ducebat

amata nobis quantum amabitur nulla.

Ibi illa multa tum iocosa fiebant,

quae tu volebas nec puella nolebat.

Fulsere vere candidi tibi soles.

Nunc iam illa non vult: tu quoque, impotens, (noli),

nec quae fugit sectare, nec miser vive,

sed ostinata mente perfer, obdura.

Vale puella. Iam Catullus obdurat,

nec te requiret nec rogabit invitam :

at tu dolebis, cum rogaberis nulla.

Scelesta, vae te! Quae tibi manet vita?


TRADUZIONE

Povero Catullo, basta con le follie,

ciò ch’è finito, convinciti, è finito.

Un tempo brillarono per te limpidi giorni,

quando correvi dove voleva la ragazza

da te amata come nessuna sarà mai amata.

E là quante dolcezze nei giochi d’amore

Che tu volevi allora e lei non rifiutava.

Davvero brillarono per te limpidi giorni!

Ma ora non vuole più, e tu cerca di vincerti

e mostrati indifferente come lei

e non seguire i tuoi passi se ti fugge

e non tormentarti più, ma, ostinato, resisti.

Addio fanciulla, ormai Catullo è deciso,

non tornerà a cercarti, non ti vuole per forza.

Ma tu soffrirai se non sei desiderata.

Ti pentirai, perfida! Che vita sarà la tua?

/ 5
Grazie per aver votato!

Privacy Policy

Cookie Policy