GLI ETRUSCHI TESINA

GLI ETRUSCHI TESINA

GLI ETRUSCHI TESINA


Nell’Ottavo secolo a.C in Italia si verificano eventi fondamentali come quello della scrittura, il passaggio dalla preistoria alla storia, mercanti fenici cominciano a frequentare le coste italiane e nascono le prime colonie greche. Ma una data da ricordare è quella della nascita della fondazione di Roma nel 753 a.C ed infine nasce un’importante civiltà quella degli Etruschi.

Questa civiltà si diffonde su un’ampia area compresa tra la Pianura padana e la Campania ed era la cultura villanoviana, questo nome derivava dalla città di Villanova vicino Bologna.Questa cultura era nota per le sue necropoli perché praticavano il rito funerario dell’incinerazione, praticavano anche attività metallurgica e scambi commerciali.

La civiltà etrusca compare verso la fine dell’Ottavo secolo a.C nella Toscana centrale e nel Lazio settentrionale, assimilò la civiltà villanoviana perché ereditò il culto dell’incinerazione . Gli Etruschi furono importanti soprattutto per l’alfabeto dei Greci perché erano in contatto nella Campania durante la loro espansione. Gli Etruschi non ebbero una vera e propria unità politica per cui le città rimasero autonome, alcune fonti dicono che c’erano dei re e questi sovrani etruschi venivano chiamati col nome di lucumani. Il potere era nelle mani delle grandi famiglie di proprietari terrieri, queste persone ricoprivano anche compiti nelle magistrature, la loro durata poteva essere molto lunga addirittura vitalizia,invece più tardi la monarchia venne sostituita da una magistratura di durata limitata chiamata Zilath, il simbolo di questa autorità suprema era il littorio un fascio di verghe legato intorno a un’ascia bipenne che simboleggiava l’unione militare.nella società etrusca si sviluppò molto l,agricoltura grazie alla scoperta di nuove tecniche di irrigazione e canalizzazione delle acque, questa grande ricchezza consentì la nascita delle città etrusche ma anche di grandi proprietari terrieri.In questa società una particolare considerazione era riservata alle donne perché avevano un comportamento libero nella società a differenza di altre società arcaiche dove venivano sempre emarginate. Infatti molti dipinti ci mostrano spesso marito e moglie durante banchetti e feste Nelle iscrizioni etrusche i nomi di persona erano accompagnati sia da quello del padre(patronimico)sia da quello della madre(matronimico). Gli etruschi oltre all’agricoltura esercitarono anche il commercio, in alcune città etrusche si sviluppò un’industria mineraria dove si estraeva il ferro.La religione etrusca veniva chiamata religione rivelata poiché i suoi contenuti erano stati detti agli uomini da Tages.Tages era una figura misteriosa che era emersa da un solco mentre si arava il campo.Il popolo etrusco credeva nella presenza di forze soprannaturali, ma credevano soprattutto nell’aldilà, però col passar del tempo gli etruschi furono pessimisti a questo pensiero, infatti nelle loro tombe venivano disegnate scene di banchetti di vita quotidiana, invece l’aldilà era abitato da esseri mostuosi.Il re di Albalonga Numitore venne cacciato da suo fratello minore Amulio costringendo la figlia del re Rea Silvia a diventare sacerdotessa votata alla castità,però il dio della guerra Marte rese gravida la donna che partorì due gemelli: Romolo e Remo,Amulio uccise la madre e gettò i due fratelli nelle acque del fiume Tevere ma essi si salvarono,vennero allattati da una lupa e poi cresciuti da un pastore.Romolo scelse come dimora il colle Palatino un giorno con l’aratro segnò il perimetro dove sarebbero sorte le mura della città di Roma.La comunità però era formata solo da uomini ma questo fu subito risolto andando a rapire le donne dei sabini.Questo rapimento fece scaturire una guerra che finì presto pacificamente.I primi quattro re di Roma furono:Romolo,Numa Pompilio,Tullio Ostilio e Anco Marzio.La città di Roma cominciò ad essere abitata dalla metà dell’VIII secolo a.c,infatti in quest’epoca sono stati ritrovati fondi di capanne sul colle Palatino,tutto quello che si diceva sui primi quattro re di Roma sono solo leggende.La pianura paludosa era sempre disabitata mentre nuovi villaggi sorgevano su altri colli romani.Questo fece nascere una lega tra i villaggi latini che erano distribuiti sui sette colli di Roma.Queste federazioni imposero il proprio dominio sui vicini abitanti sabini facendo in modo che questi villaggi si unirono con quelli romani.A partire dall’XIII secolo a.c molti oggetti di lavorazione etrusca sono comparsi nel territorio romano, ci furono anche capi etruschi che controllavano le vie di comunicazione fra Etruri e Campania.Dopo il re Anco Marzio venne eletto Tarquinio un ricco etrusco che abitava a Roma, questo re era chiamato Tarquinio Prisco(vecchio) per distinguerlo dal figlio Tarquinio il Superbo,però alla sua morte gli succedette Servio Tullio anche lui etrusco ma non appartenente alla famiglia di Tarquini Prisco.Tarquinio il Superbo uccise Servio Tullio e si impadronì del potere.