TRADUZIONE VERSIONE IL RACCONTO DI SINONE

TRADUZIONE VERSIONE IL RACCONTO DI SINONE


Troiani maxima gaudio e moenibus tumultuose in litus ruunt, sed pastores ceperunt duxerunt ad regem Priamum militem Graecum inermem. tum miles,non minus mendax quam audax,dixit:”parcite Sinoni miserrimo verbisque meis aures attentas praebete, saepe Graeci cupiebant Troiam relinquere sed ob asperas tempestates non potuerunt. Tum Eurypylum miserunt ad Phoebi oraculum et Eurypylus tristissima verba reportavit : Graeci placare debent Minervae iram, nam dea propter suam effigiem a summa arce ereptam ira ardet’ . ideo me Calchas sacrificio destinat, sed ego vincula rupi et per noctem in limoso lacu delitui(da delitesco=nascondersi) :At nunc audite : graeci ingentem equum Minervae voverunt; si equum in litore relinquetis, Minerva Graecis Troiam tradet; si autem equum intra moenia ducetis Graecorum impetus numquam debebitis timere


i Troiani con grandissima gioia dalle mura corrono sulla spiaggia ma i pastori presero e condussero presso il re priamo un soldato greco inerme, allora il soldato non meno povero quanto audace disse:”non toccate il poverissimo Sinone e prestate orecchio attentamente alle mie parole, spesso i greci desideravano abbandonare T roia ,ma a causa di forti tempestenon poterono. Allora mandarono Euripilo (figlio d’ Ercole) presso l’ oracolo di Febo e costui riportò tristissimi responsi: i Greci debbono placare l’ ira di Minerva infatti la dea dalla cima della fortezza arde d’ ira , pertanto Calcante destina me per il sacrificio, la io ruppi le corde e durante la notte mi nascosi nel lago fangoso. Ed ora udite: i Greci conascrarono un grande cavallo a Minerva se lascerete il cavallo sulla spiaggia Minerva consegnerà T roia ai Greci, se invece porterete il cavallo dentro le mura non dovrete mai temere l’ impeto dei Greci.

Annunci

Privacy Policy Cookie Policy

error: Content is protected !!