Tèseo sconfigge il Minotauro e tradisce Arianna

Tèseo sconfigge il Minotauro e tradisce Arianna

IN LATINO
Minos, posteaquam Athenienses vicit, instituit ut anno uno quoque septenos liberos suos Minotauro ad epulandum mitterent. Theseus posteaquam a Troezene venerat et audit quanta calamitate civitas afficeretur, voluntarie se ad Minotaurum pollicitus est ire. Postquam Cretam venit, ab Ariadne, Minois filia, est adamatus adeo ut fratrem proderet et hospitem servaret: ea enim Theseo monstravit labyrinthi exitum; quo Theseus cum introisset et Minotaurum interfecisset, Ariadnes monitu licium revolvendo foras est egressus, eamque, quod fidem ei dederat, in coniugio secum habiturus avexit. Theseus in insula Dia tempestate retentus, cogitans, si Ariadnen in patriam portasset, sibi opprobrium futurum, ita in insula Dia dormientem reliquit; quam Liber amans, inde sibi in coniugium abduxit.

TRADUZIONE
Minosse, dopo che vinse gli Ateniesi, stabilì che (essi) ogni anno mandassero sette loro giovani al Minotauro, perché se li mangiasse. Teseo, dopo essere arrivato da Trezene e dopo aver sentito da che grande disgrazia la città fosse colpita, volontariamente promise di andare dal Minotauro. Dopo essere giunto a Creta, fu amato da Arianna, figlia di Minosse, a tal punto da tradire il fratello e salvare l’ospite: ella infatti mostrò a Teseo l’uscita del labirinto; Teseo infatti, essendovi entrato e avendo ucciso il Minotauro, uscì fuori riavvolgendo il filo secondo l’avvertimento di Arianna e la portò via, poiché le aveva dato la parola [oppure:come le aveva promesso], con l’intenzione di tenerla con sé come moglie. Teseo, trattenuto nell’isola di Dia da una tempesta, pensando che, se avesse portato Arianna in patria, sarebbe stato per lui un disonore, la lasciò così nell’isola di Dia mentre (lei) era addormentata; ma Libero (= Bacco), amandola, la portò via e se la sposò.