Spinoza Baruch Amsterdam 1632- Laia-1677

Spinoza Baruch Amsterdam 1632- Laia-1677

Spinoza Baruch Amsterdam 1632- Laia-1677


Filosofo olandese, considerato l’esponente più rappresentativo del panteismo. (dottrina che identifica tutto ciò che esiste con Dio).

Nella dottrina della sostanza Spinoza afferma che l’universo è identificabile con Dio, inteso come “sostanza” eterna, unica e incorruttibile. Il concetto di sostanza che Spinoza derivò dai filosofi scolastici, è riferito al fondamento assoluto di tutta la realtà, che la comprende in sè. Egli riconobbe la possibilità dell’esistenza d’infiniti attributi alla sostanza, ma sostenne che due soli erano accessibili all’intelletto umano: il pensiero e l’estensione. Il pensiero e l’estensione, che nella filosofia di Cartesio costituivano due distinte sostanze, vengono ora intese da Spinoza come due aspetti dell’unica sostanza, intesa come Dio e identificata con la natura stessa. In questo modo era superato il problema del dualismo cartesiano, relativo al modoin cui l’ordine delle cose corporee poteva influire su quello delle idee e dei pensieri, e viceversa. Nel sistema dell’etica si afferma che esiste un nesso causale (in filosofia, relazione tra una causa e il suo effetto) fra singoli oggetti (in pratica, tra corpi fisici) rispetto all’attributo dell’estensione o fra singole idee rispetto all’attributo del pensiero, ma non fra oggetti e idee, che sono solo apparentemente in relazione. Ciò che conta osservare è che le due serie d’eventi, quelli fisici e quelle mentali, procedono parallelamente in quanto sono solo due aspetti dell’unica sostanza divina. Spinoza considerò la pluralità degli oggetti del mondo fisico e delle idee, come “modi” della sostanza “Dio”: ogni singolo oggetto è un modo di Dio rispetto all’attributo dell’estensione; tutte le idee singole sono modi di Dio rispetto all’attributo del pensiero. I modi costituiscono la natura naturata, “natura causata” o la natura nella molteplicità delle sue manifestazioni; la sostanza o Dio, è la “natura causante”, quella creatrice che determina i modi: Dio risulta pertanto la causa immanente del mondo, nel senso che non agisce fuori di esso, ma lo contiene in sè. In questo senso si è parlato di un panteismo di Spinoza, per la quale Dio non crea il mondo come un essere separato e distinto della natura. Tutte le cose discendono da Dio, in modo necessario e secondo un rigido nesso causale. Questo determinismo (dottrina filosofica, secondo la quale ogni evento, è predeterminato da cause, in modo tale che non c’è posto nella natura nè per eventi che siano frutto del caso, nè per libere scelte dell’uomo) naturale, in base cui, Spinoza respinge la dottrina del libero arbitrio, non esclude però la libertà di Dio, nel senso che la sostanza divina non è determinata da altro che, agire e operare, ma si dispiega nella serie infinita di modi (fisici e mentali) secondo la necessità della propria natura.

Il fine dell’etica di Spinoza è, la liberazione dell’uomo dalla servitù delle passioni. “Tratta queste ultime come si trattasse di linee, di piani e di corpi, procedendo a una sorta di geometria delle passioni”. Il principio fondamentale è, che ogni individuo tende a perseverare (mantenersi fermo) nel proprio essere, secondo una tendenza che è denominata “sforzo”, che si articola ulteriormente come “cupidità” (desiderio sfrenato; avidità). Da questo principio, a seconda che esso sia assecondato o ostacolato, scaturiscono le due passioni principali, che sono: gioia e tristezza, amore e odio e successivamente tutti gli altri sentimenti. La servitù dell’uomo consiste nell’incapacità di far prevalere effetti positivi, che aumentano la potenza del suo essere sugli affetti negativi che invece la ostacolano. Secondo un ideale etico diverso da quello della completa impassibilità, teorizzata in passato dallo stoicismo dove affermava che: il bene non si trova in un oggetto esterno, ma nella condizione dell’anima e nella saggezza offerta dall’assenza delle passioni e dai desideri che turbano l’esistenza.

Annunci

Privacy Policy Cookie Policy

error: Content is protected !!