Ruberie di un governatore della Sicilia

Ruberie di un governatore della Sicilia

Ruberie di un governatore della Sicilia

TESTO ORIGINALE

Lipara, tam parva civitas, tam remota, seiuncta a Sicilia, in insula inculta tenuique posita, praedae tibi et questui fuit;hanc totam insulam cuidam tuorum sodalium, sicut aliquod minusculum.tu condonaras. Halicyenses, qui agros immunes habent, Turpioni, servo tuo, HS XV milia dare coacti sunt. Etiamsi,id quod maxime vis posses probare haec ad servum tuum lucra venisse, nihil te attigisse, tamen hae pecuniae,per vim atque iniuram tuam erptae,tibi fraudi et damnationi esse deberent, cum vero hoc nemini persuadere possis te tam amentem fuisse ut servum hominem tuo periculo, divitem fieri velles omnibus manifestum est hanc tibi omnem pecuniam quaesitam esse. Patiemini, iudices, ab sociis, ab aratoribus populi Romani, ab iis qui vobis laborant, vobis serviunt, ab his per summam iniuram omniam ablata esse?

TRADUZIONE

Anche questo stato tanto piccolo,separato dalla Sicilia, collocato su un’isola incolta e insignificante, è stato per te (motivo) di bottino e di guadagno ? Dal momento che tu hai dato in dono l’intera isola a uno dei tuoi compagni (così) come (se fosse) un regalino, anche a questa, così come agli abitanti del mediterraneo, venivano riscossi/detratti i profitti del frumento? Perché? E’ forse vero ke gli Aliciensi, i cui abitanti danno la decima parte, i cui abitanti stessi hanno i campi esenti (dalle tasse), sono costretti a dare quindici mila al tuo servo Turpione? Se tu potessi provare ciò che tu soprattutto vuoi , (cioé che) questi profitti sono arrivati agli esattori della decima,che niente ti ha toccato  tuttavia questi denari dovrebbero essere stati presi attraverso la tua violenza e la tua offesa e dovrebbero esserti consegnati con l’inganno e con la condanna; visto ke invero nn puoi convincere nessuno di ciô,cioé del fatto ke tu sei stato tanto folle,da volere che Apronio e turpione,uomini servi, diventassero ricchi con il pericolo tuo e dei tuoi figli, ritieni (davvero) ke nessuno avrebbe dubitato che a quegli emissari/agenti è stato richiesto tutto il denaro per te?

Precedente La battaglia di Parigi Successivo Eumene governatore della Cappadocia