RITRATO DI MARCO AURELIO TRADUZIONE

RITRATO DI MARCO AURELIO TRADUZIONE

RITRATO DI MARCO AURELIO TRADUZIONE


Ci fu tanta passione in lui per la filosofia, da stare ad ascoltare il maggior numero di sapienti e soprattutto Iunio Rustico, il più esperto di questa scienza. Quando lui gli comunicò tutti i progetti pubblici e personali, lo elesse console per la seconda volta e ordinò che, dopo la morte, gli fossero innalzate delle statue. Dette tanti onori ai suoi maestri, da avere nel larario stesso le loro immagini d’oro e da onorare sempre le loro tombe con sacrifici e fiori. Fu educato nella casa di Adriano, che lo chiamava “Verissimo” per la sua onestà e che riportò il ragazzo nel collegio dei Salii. Fu sia capo, sia vate, sia maestro in quel sacerdozio e fece molti riti sacri, avendo egli stesso imparato tutte le formule religiose. Oltre a ciò amò sia il pugilato sia le lotte sia la corsa sia la caccia e giocò a palla ottimamente. Ma lo studio della filosofia lo allontanò da tutte queste cose e rese importante e autorevole. Tuttavia in lui ci fu sempre una grande affabilità che rivelava soprattutto ai suoi, poi agli amici e anche agli sconosciuti.

Precedente Le smanie per la villeggiatura di Carlo Goldoni Successivo IL RISPETTO DELLA VECCHIAIA TRADUZIONE