RIASSUNTO SECRETUM

RIASSUNTO SECRETUM

RIASSUNTO SECRETUM
PETRARCA

FONTE:https://sites.google.com/site/fascinosopetrarca/il-secretum


La più importante delle opere in prosa di Petrarca è senz’altro il Secretum; insieme all’epistolario è questa la fonte più attendibile e completa per conoscere il mondo interiore del poeta. Fu composto nel 1347, benché l’ideazione e la crisi spirituale da cui l’opera muove possono essere attribuite a qualche anno prima. L’opera non era destinata alla pubblicazione, ma a una funzione personale di confessione e di diario autobiografico.

Il Secretum ha la forma di un dialogo tra il poeta stesso e Sant’Agostino, svolto alla presenza della Verità; il dialogo si stende lungo l’arco di tre giorni ed è suddiviso in tre libri, con riferimento al simbolo della Trinità. Nel primo libro è affrontato il problema dell’ansia che affligge il poeta e Agostino ne addita la causa nell’eccessivo attaccamento ai beni della terra, lo invita quindi ad ammettere che la sua infelicità non dipende da cause esterne ma da lui stesso, incapace di rivolgersi serenamente a Dio e ai sui valori superiori.

Nel secondo libro il carattere di Francesco viene analizzato sulla base dei peccati capitali della morale cattolica, Agostino gli dimostra come egli si sia macchiato di tutti questi eccetto l’invidia. Lo affliggono in particolare la superbia e la lussuria, ma più grave di tutti risulta essere il vizio dell’accidia. Nel terzo libro Agostino addita i due maggiori vincoli che ostacolano il riscatto morale di Francesco: l’amore per Laura e l’attaccamento alla gloria. Petrarca riconosce la forza di tali vincoli, ma si impegna a dimostrarne la validità spirituale e religiosa.

Il dialogo si conclude in modo aperto, con la fiducia che un futuro ulteriore approfondimento della conoscenza di sé consenta al poeta di raccogliere gli sparsi frammenti della sua anima e di essere pronto a una vera conversione.


Precedente Giosuè Carducci PARAFRASI San Martino Successivo RIASSUNTO L'EPISTOLARIO