RIASSUNTO EMPEDOCLE

RIASSUNTO EMPEDOCLE

RIASSUNTO EMPEDOCLE


Il problema del molteplice e del divenire Il problema fondamentale sul quale la filosofia riflette dopo Parmenide è quello del rapporto tra unità e molteplicità. Le argomentazioni di Parmenide avevano preteso di provare che l’essere è uno e immutabile. In opposizione a questa conclusione stava però la comune esperienza della pluralità e del divenire delle cose. Zenone e Melisso dissero che la vera realtà unica e immutabile, era quella dell’essere. Eternità dell’essere e molteplicità degli enti Empedocle dice che l’essere è ingenerato imperituro, immutabile. Nella sua opera sulla natura assume che esiste una plurità di enti chiamati radici e cioè l’aria il fuoco la terra e l’acqua. E con le loro combinazioni determinavano il divenire delle cose. Le quattro radici: aria fuoco terra acqua Gia i filosofi precedenti avevano individuato come “archè” alcuni di questi elementi oppure avevano ricondotto ogni mutamento ad alcune di queste opposizioni. Ma Empedocle fu probabilmente una teoria filosofica quella pitagorica a suggerire che gli elementi dovessero essere in numero finito e piccolo. Nelle cose le radici sono presenti secondo precise relazioni quantitative le ossa per esempio sono formate da due parti d’acqua due di terra e quattro di fuoco. Sono invece indivisibili secondo la quantità per esempio l’acqua contenuta in un anfora puo essere divisa se versata nelle coppe: le qualità di ogni parte ottenute sono invariate(trasparenza e umidità) Amore e odio nei cicli Per Empedocle le radici sono ingenerate e imperiture piene indivisibili e immutabili. Combinazioni e separazioni degli elementi sono determinante da due principi motori a essi esterni: l’amore e l’odio. Essi sono realtà esterne mescolate con le radici principi universali che governano tutte le trasformazioni della natura. Amore e odio tendono a sopraffarsi a vicenda, il loro conflitto determina lo sviluppo ciclico delle cose. I momenti del ciclo sono 4: Lo sfero: è il momento dove predomina l’amore e non c’e vita L’età dell’odio: l’odio penetra nello sfero e separa progressivamente ciò che in esso era unito. Si costituisce un equilibrio tra l’odio e l’amore (dove c’e equilibrio c’e vita) Il caos: l’odio ha disgregato lo sfero c’e solo odio e qundi non c’e vita L’eta dell’amore: l’amore ricostruisce progressivamente l’unita degli elementi quindi si restaura l’equilibrio e c’e di nuovo vita. Il cosmo organico animato da forze attrattive e repulsive Per Empedocle il cosmo ovvero l’equilibrio dinamico di unità e molteplicità si costituisce una volta a opera dell’odio uno dei due principi prende nettamente il sopravvento.


RIASSUNTO EMPEDOCLE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.