RIASSUNTO BREVE DI ROSSO MALPELO VERGA

RIASSUNTO BREVE DI ROSSO MALPELO VERGA

RIASSUNTO BREVE DI ROSSO MALPELO VERGA


 

1°: PRESENTAZIONE E PRIMA DESCRIZIONE DI ROSSO MALPELO

Rosso Malpelo è un ragazzino dai capelli rossi da tutti considerato «birbone, malizioso, cattivo e monellaccio» e per questo viene costantemente evitato e tenuto a distanza da tutti. Rosso lavora nella stessa cava di rena in cui aveva lavorato e dove aveva perso la vita il padre. Il rapporto con la madre è conflittuale e per niente affettuoso: « Del resto, ella lo vedeva soltanto il sabato sera, quando tornava a casa con quei pochi soldi della settimana e siccome era Malpelo c’era anche a temere che ne sottraesse un paio di quei soldi». Pessimo anche il rapporto con la sorella che «s’era fatta sposa e aveva altro pel capo».

2°: RACCONTO DELLA MORTE DEL PADRE

Viene poi narrata la morte del padre, mastro Misciu, già implacabilmente segnato dal giudizio della comunità con il nomignolo spregiativo di “Bestia”; mastro Misciu rimane schiacciato sotto un pilastro che crolla mentre lui stava terminando un lavoro a cottimo. Viene chiamato l’ingegnere della cava (che si trovava in quel momento a teatro) ma il tentativo di soccorso fallisce. Viene qui introdotto un altro personaggio, lo Sciancato, collega di lavoro nella cava di mastro Misciu, per nulla solidale con lui.

3°: DESCRIZIONE DI COME ROSSO LAVORA

Dopo la morte del padre Malpelo diventa « più tristo e cattivo del solito […] pareva gli fosse entrato il diavolo in corpo» e scarica tutta la sua cattiveria sugli altri (picchia, per esempio, senza pietà, l’asino grigio che lo accompagna quotidianamente nel lavoro nella cava).

4°: IL RAPPORTO CON RANOCCHIO E I RAPPORTI CON LA CASA

Nel frattempo arriva alla cava un «povero ragazzetto» che, essendo caduto da un ponte ed essendosi lussato il femore, non è più in grado di proseguire il suo lavoro da manovale. Rosso, legato a Ranocchio da affetto sincero, gli trasmette la propria filosofia dell’esistenza, ha un atteggiamento didattico, è come un padre che suggerisce al figlio il giusto comportamento per le varie occasioni. Non vuole che il ragazzino rimanga ingenuo come mastro Misciu, (è significativo che lo apostrofi proprio col nomignolo “Bestia”) ma vuole che impari la necessità della violenza.

I rapporti di Rosso con la madre e la sorella sono invece regolati dalla sola legge economica e privi di affettività: la madre lo paragona addirittura a un «cane rognoso». Il paragone col mondo animale è una tecnica costante nella novella per la definizione psicologica del protagonista.

 

5º: RITROVAMENTO DEL CADAVERE DI MASTRO MISCIU

Un giorno nella cava venne ritrovata una delle scarpe di mastro Misciu ma non il suo corpo; Rosso venne colto da una tale paura di veder comparire fra la rena anche il piede nudo del padre, che decise di andare a lavorare in un altro punto della galleria e di non tornare mai più da quelle parti. Due o tre giorni dopo venne ritrovato il cadavere.

6º:L’ASINO GRIGIO GETTATO NELLA SCIARA E LE VISITE DI ROSSO E RANOCCHIO

Nel frattempo morì di stenti e vecchiaia l’asino grigio che aveva lavorato ogni giorno con Malpelo nella cava. Il carrettiere lo gettò lontano nella sciara e Malpelo sentenziò:«Così si fa! Gli arnesi che non servono più si buttano lontano». Nei giorni successivi costrinse Ranocchio ad andare con lui a visitare la carcassa dell’asino perché « a questo mondo bisogna avvezzarsi a veder in faccia ogni cosa, bella e brutta».

L’episodio della morte dell’asino grigio entra nel racconto come esempio che permette a Malpelo di dimostrare e rinforzare la sua scienza della vita, un percorso assurdo in attesa della morte. Il passo è denso delle sentenze di Rosso sulla logica della violenza che sfociano nell’unica immagine di pace possibile: la morte.

7°: MALATTIA E MORTE DI RANOCCHIO

Di li a poco Ranocchio si ammalò gravemente, tanto da non riuscire più nemmeno ad andare nella cava; Malpelo si recava a casa sua a trovarlo e, quando Ranocchio morì, Rosso si stupì moltissimo della enorme sofferenza provata dalla madre; Rosso non aveva mai visto sua madre soffrire così tanto per lui e nemmeno riusciva ad immaginarlo possibile.

8°: L’EVASO SI NASCONDE NELLA CAVA

Qualche tempo dopo arrivò un evaso a lavorare nella cava, personaggio che incuriosì moltissimo Malpelo, ma dopo poco l’evaso se ne andò dichiarando di essere stanco di quella vita da talpa e di preferire la vita nella prigione.

9°: ESPLORAZIONE DELLA CAVA E SPARIZIONE DI ROSSO

Rosso venne un giorno mandato a esplorare un passaggio della cava molto pericoloso (viene scelto proprio lui perché nessuno dei suoi famigliari si interessa di lui e del suo destino) e non vi fece mai più ritorno.

Annunci

Si ripete quindi la situazione già verificatasi per mastro Misciu: Malpelo è l’unico ad avventurarsi in un pericoloso passaggio della miniera così come il padre era stato l’unico ad accettare il «magro affare» che lo condusse alla morte. Ma Malpelo, a differenza di mastro Misciu, è consapevole della sorte che lo aspetta; porta infatti con se tutti gli oggetti a cui è affettivamente legato( piccone, zappa, lanterna, ecc…), gli setssi che erano stati spettatori del tragico crollo in cui era morto il padre, in un ultimo atto simbolico di identificazione col padre stesso.

Il racconto si conclude al modo delle fiabe, la storia di Malpelo diventa nella fantasia popolare una leggenda: Malpelo diventa un fantasma che può apparire all’improvviso e spaventare i ragazzi.

Malpelo che si perde nella cava è metafora dell’impossibilità di sfuggire al proprio destino nel mondo che, come la cava, inghiotte senza pietà gli uomini.

/ 5
Grazie per aver votato!

Privacy Policy Cookie Policy

error: Content is protected !!