RIASSUNTO A ZACINTO

RIASSUNTO A ZACINTO


Il sonetto inizia con una triplice negazione (che è una constatazione amara del poeta della perdita della sua patria), e termina con la sentenza definitiva del suo esilio e della sua illacrimata sepoltura in terra straniera. Tra questi due poli negativi è racchiusa, attraverso l’incatenamento di immagini la rappresentazione nostalgica e meravigliosa del mondo ideale dell’infanzia del poeta e la trasfigurazione mitica della propria esperienza dell’esilio che avviene attraverso all’analogia fra la sua figura è quella di Ulisse. Ulisse, “bello di fama e di sventura” rappresenta l’immagine del poeta, anch’egli esule magnanimo avversato dal destino e dagli uomini, ma rappresenta soprattutto il nuovo concetto dell’eroe romantico, grande per la forza e la dignità con cui sopporta le ingiurie della sventura (l’esitò dell’esilio però, sarà diverso; Foscolo a differenza di Ulisse sarà sepolto in terra straniera e nessuno verserà delle lacrime sulla sua tomba). Altre immagini mitiche sono poi presente nei versi, quella di Omero che rappresenta la poesia eternatrice dell’eroismo e dei valori più alti e Venere, nata secondo il mito dalla spuma del mare, simbolo della natura fecondatrice, della bellezza e dell’armonia, che con il suo sorriso ha reso fertile e rigogliosa la patria del poeta.

Annunci

Privacy Policy Cookie Policy

error: Content is protected !!