Purgatorio Canto 3

Purgatorio Canto 3

Canto 3
Dante comincia a pensare che Virgilio non gli possa essere molto d’aiuto verso il Paradiso; si sente solo perché vede sul suolo solo la sua ombra. Virgilio dice che la ragione umana non può capire i misteri della fede.
Si ritrovano davanti alla montagna e non sanno che strada prendere; incontrano un gruppo di anime che accettano di condurli. Un’anima cerca di farsi riconoscere: è Manfredi di Svevia (figlio di Federico II) che nomina sua nonna e sua figlia e chiede a Dante di dire a sua figlia che lui è lì in Purgatorio nonostante fosse stato scomunicato.
Analisi: Virgilio è sempre più disorientato; le pecore rappresentano il popolo credente.