PROEMIO DEL DECAMERON

PROEMIO DEL DECAMERON

PROEMIO DEL DECAMERON


all’interno del proemio boccaccio dichiara le sue intenzioni: innanzitutto egli afferma che l’opera è dedicata a coloro che soffrono le pene d’amore, in particolare alle donne che sono costrette a seguire gli ordini dei padri, dei fratelli e e dei mariti, trascorrendo la maggior parte del tempo nella loro stanza. Boccaccio usa inoltre l’espressione “peccato della fortuna” per esprimere la concezione di inferiorità della donna e per introdurre uno dei temi principali dell’opera, la Fortuna. nel proemio viene anke introdotta la tematica principale del decameron, l’erotismo; l’autore,infatti, sottolinea l’intento sia edonistico sia didascalico: egli intende narrare cento novelle ( o favole, o parabole, o istorie) in dieci giorni, ad opera di sette fanciulle e tre ragazzi. queste narrazioni prima divertiranno le donne con avvenimente avventurosi e travolgenti, poi le proporranno pratiche regole di vita. dunque boccaccio da una parte vuole intrattenere le donne afflitte dalle pene d’amore, dall’altra si propone di insegnarle “quello che sia da fuggire e quello che sia similmente da seguitare”.


PROEMIO DEL DECAMERON

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.