Piangete o Veneri traduzione

Piangete o Veneri traduzione

Traduzione di Rocco Scotellaro, 1952


Lugete

Lugete, o Veneres Cupidinesque,
et quantum est hominum venustiorum:
passer mortuus est meae puellae,
passer, deliciae meae puellae,
quem plus illa oculis suis amabat.
nam mellitus erat suamque norat
ipsam tam bene quam puella matrem,
nec sese a gremio illius movebat,
sed circumsiliens modo huc modo illuc
ad solam dominam usque pipiabat.
qui nunc it per iter tenebricosum
illuc, unde negant redire quemquam.
at vobis male sit, malae tenebrae
Orci, quae omnia bella devoratis:
tam bellum mihi passerem abstulistis
o factum male! o miselle passer!
tua nunc opera meae puellae
flendo turgiduli rubent ocelli.


Piangete, ragazze

Piangete, ragazze e giovinetti

e cosa che ti commuovi sulla terra.

Il passero è morto alla mia bella,

il passero, gingillo della mia bella,

zinna degli occhi suoi.

Perché era dolce; e la riconosceva

come uno riconosce mamma sua

e non si distacca dal suo seno,

ma, zitto, intorno, di qua e di là,

soltanto alla padrona pigolava.

Ora va per un via all’oscuro

da dove non lo faranno tornare.

Maledette ombre nere che all’Orco

tutte le cose belle vi portate,

il passero mio bello vi pigliate.

O misfatto, povero passero mio

ora per amor tuo la mia fanciulla

a piangere tiene gli occhietti rossi.

Privacy Policy

Cookie Policy

error: Content is protected !!