perch’i no spero di tornar giammai figure retoriche

perch’i no spero di tornar giammai figure retoriche

Guido Cavalcanti


Figure retoriche

Personificazioni

All’ampio utilizzo dell’apostrofe (vedi sopra) corrisponde la ripetuta personificazione della ballata. Il poeta attribuisce al componimento comportamenti e atteggiamenti propri dell’essere umano in più


punti: VERSO 3: va’ tu…

VERSO 7: Tu porterai novelle…

VERSO 9: ma guarda che persona non ti miri…

VERSO 12: tu saresti contesa…

VERSO 17: Tu senti, ballatetta…

VERSO 19: e senti come…

VERSO 23: se tu mi vuoi servire…

VERSO 24: mena l’anima teco…

VERSI 27-28: …a la tu’ amistate … raccomando…

VERSO 29: menala teco…

VERSO 31: Deh, ballatetta, dille sospirando…

Oltre alla ballata il poeta personifica anche l’emozione dolorosa, che nella ballata ha trovato espressione, alla quale si rivolge nell’ultima strofa:

VERSI 37-40: Tu, voce sbigottita e deboletta va’ ragionando della strutta mente.

Altre figure

Oltre ad apostrofi e personificazioni, all’interno del testo compaiono:

________________________________________________________

  1. Antitesi

Ai vv. 17-18 si trova una evidente antitesi (ossia l’accostamento di parole di significato opposto), inserita all’interno di un parallelismo: … la morte mi stringe sì, che vita m’abbandona;

Antitesi>  vita  vs. morte

Parallelismo > sogg + ogg + predicato – sogg + ogg + predicato

________________________________________________________

  1. Costrutti binari VERSO 3: leggera e piana

VERSO 8: di dogli’ e di molta paura

VERSO 16: pianto e novel dolore VERSO 37. sbigottita e deboletta

VERSO 39: coll’anima e con questa ballatetta

________________________________________________________

  1. Anafore

VERSI 17-19: tu senti… e senti

VERSI 27-31: deh, ballatetta mia … deh, ballatetta

VERSI 7-17-37: tu porterai … tu senti… tu, voce.

________________________________________________________

  1. Perifrasi

VERSO 10: che sia nemica di gentil natura = “volgare”

VERSO 36: che fu servo d’Amore: = amante cortese.

________________________________________________________

  1. Enjambements VERSI 17-18

Tu senti, ballatetta, che la morte^ mi stringe sì, che vita m’abbandona;

VERSI 27-28

Deh, ballatetta mia, a la tu’ amistate^ quest’anima che trema raccomando

VERSI 33-34:

Questa vostra servente^ vien per istar con voi,