PARADISO CANTO 17 ANALISI

Annunci

Annunci

PARADISO CANTO 17 ANALISI

PARADISO CANTO 17 ANALISI

Il canto XVII, al centro del Paradiso, ha come tema la Commedia stessa, tradotta in esperienza storica e biografica e nella metafora del “grido” che la riassume e prolunga. Cacciaguida illustra a D. il suo futuro esilio e gli annuncia la gloria letteraria. In queste parole vanno a confluire le profezie parziali che D. ha ascoltato da Ciacco, Farinata degli Uberti, Brunetto Latini, Vanni Fucci nei canti VI, X, XV, XXIV dell’Inferno; Corrado Malaspina, Oderisi da Gubbio, Forese Donati e Bonagiunta da Lucca nei canti VIII, XI, XXIII e XXIV del Purgatorio; in esse si risolve il rapporto fra D. personaggio e D. autore: mentre Cacciaguida annuncia al discendente la gloria poetica, informa il lettore del senso generale del poema: esso denunzia i mali dell’umanità e si fa portatore dei valori necessari per rinnovarla.

Su questa intelaiatura ideologica poggiano quattro sezioni: 1. D. è ansioso per la propria sorte; 2. Cacciaguida risponde profetizzandogli l’esilio; 3. D. non sa se rivelare ciò che ha visto nell’aldilà; 4. Cacciaguida, che legge la risposta direttamente in Dio, lo invita a farlo. In questo modo garantisce l’utilità del poema e dichiara il fine di quest’ultimo. Il poeta è guidato da un’ira violenta, ma divina e edificante. La Commedia giudica e condanna la storia da un punto di vista che è fuori del tempo e che è quello di Dio.

Lo stile solenne trova la sua cifra nelle similitudini mitologiche: l’ansia di D. è paragonata a quella di Fetonte che sta per chiedere alla madre se è figlio di Apollo; Cacciaguida traccia un confronto fra D. e Ippolito e fra Firenze e la matrigna di Ippolito, Fedra. La profezia si articola in immagini che fissano le abiezioni altrui e le sofferenze di D. Solo la cortesia degli Scaligeri, esaltata nella generosità di Bartolomeo e nella futura grandezza di Cangrande, conforterà l’esule. Ma l’idea prospettata ai vv. 43-45 che il futuro di D. sia paragonabile a un’armonia musicale acquista senso pieno solo nella grande rivincita letteraria sul tempo storico.

Per D. questa è l’occasione di capire il senso del suo esilio, che diviene sostanzialmente una missione superiore, affidatagli da Dio. In un certo senso, il colloquio con l’avo non è altro che la drammatizzazione di un soliloquio, di un dialogo con se stesso alla ricerca del senso del proprio dolore. Emerge così il modello del poeta che segue la verità e che trova in essa la propria consacrazione.

La profezia dell’accoglienza alla corte veronese consente infine a D. di delinare, ancora una volta, l’ideale del signore cavalleresco, cortese e liberale, prode e generoso. Qui col richiamo al modello cavalleresco si risolve la polemica dantesca contro la corruzione del mondo contemporaneo e la sua etica borghese.

 

/ 5
Grazie per aver votato!

Annunci

Privacy Policy Cookie Policy

error: Content is protected !!