ODISSEA Il ritorno e la vendetta

ODISSEA Il ritorno e la vendetta

libri XIII-XXIV


Giunto alla spiaggia di Itaca, Ulisse, viene trasformato in un vecchio mendicante. In seguito Atena si reca a Sparta da Telemaco, per esortarlo a fare ritorno a casa, mentre Ulisse chiede ospitalità a Eumeo, un umile porcaro rimastogli fedele dopo tanti anni, venendo così a sapere della tirannia imposta dai proci alla moglie Penelope. Raggiunto dal figlio, cui svela la propria identità, Ulisse organizza il piano per attuare la vendetta.

Odisseo, sempre con le sembianze di un misero mendicante, si reca alla reggia reale, dove ha modo di osservare la volgarità dei proci. Riconosciuto solo dal fedelissimo cane Argo, che muore subito dopo averlo rivisto, Ulisse ha un colloquio con la moglie, che non sa di trovarsi di fronte al marito. Ulisse, mantenendo l’incognito, le annuncia il suo futuro ritorno. In mezzo alle continue prepotenze dei proci, anche nei confronti dello stesso Ulisse (riconosciuto, per via di una cicatrice, dalla vecchia nutrice Euriclea, cui però l’eroe greco impone il silenzio), Penelope indice una gara con l’arco di Ulisse per scegliere un nuovo re. La donna sposerà chi saprà tendere l’arco e scoccare una freccia attraverso l’anello di dodici scuri. Mentre i proci falliscono miseramente, Ulisse supera facilmente la prova e, con l’aiuto di Telemaco, stermina gli avversari. Penelope pone al marito un’ultima prova: descrivere con tutti i dettagli il loro letto nuziale. Ulisse si reca poi dal padre Laerte, cui descrive con precisione un frutteto donatogli dal genitore. Placata con l’aiuto di Atena un’ultima rivolta interna, Ulisse, tornato re di Itaca, stila patti di pace e tranquilla convivenza.