MIO PADRE E STATO PER ME L’ASSASSINO

MIO PADRE E STATO PER ME L’ASSASSINO

umberto saba

FONTE:https://liceocuneo.it/origlia/saba-mio-padre-e-stato-per-me-lassassino/


Parafrasi

Per me mio padre è stato l'”assassino”
fino ai vent’anni che l’ho conosciuto.
così ho pensato per i 20 anni in cui l’ho conosciuto
Allora ho visto ch’egli era un bambino,
Dopo 20 anni capì che lui er aun bambino
e che il dono ch’io ho da lui l’ho avuto.
e che ho avuto un dono da lui
Aveva in volto il mio sguardo azzurrino,
aveva i miei stessi occhi azzurri
un sorriso, in miseria, dolce e astuto,
un sorriso, anche nei momenti meno felici, smepre dolce e vispo
Andò sempre pel mondo pellegrino;
egli girava il mondo
più d’una donna l’ha amato e pasciuto.
e ha consociuto molte donne che lo hanno amato e dato da mangiare
Egli era gaio e leggero; mia madre
egli era allegro e leggero; mia madre
tutti sentiva della vita i pesi.
sentiva su di se invece tutti i pesi della vita
Di mano ei gli sfuggì come un pallone.
egli le sfuggi di mano come sfugge un pallone
“Non somigliare – ammoniva – a tuo padre”.
e mi ripeteva sempr di nn fare mai come lui
Ed io più tardi in me stesso lo intesi:
e io più tardi capì le sue parole
eran due razze in antica tenzone
erano due persone diverse in una vecchia tensione


Fontesecondaria: ATuttaScuola.it