Marzo Salvatore Di Giacomo traduzione

Marzo Salvatore Di Giacomo traduzione

MARZO

Marzo: nu poco chiove
e n’ato ppoco stracqua:
torna a chiovere, schiove,
ride ‘o sole cu ll’acqua.

Mo nu cielo celeste,
mo n’aria cupa e nera:
mo d”o vierno ‘e tempesta,
mo n’aria ‘e primmavera.

N’ auciello freddigliuso
aspetta ch’esce ‘o sole:
ncopp”o tturreno nfuso
suspireno ‘e vviole…

Catarì!… Che buo’ cchiù?
Ntiénneme, core mio!
Marzo, tu ‘o ssaie, si’ tu,
e st’ auciello songo io.

Marzo ) Marzo: un po’ piove / e dopo un po’ cessa di piovere: / torna a piovere, spiove, / ride il sole con l’acqua. / Ora un cielo celeste, / ora un’aria cupa e nera: / ora le tempeste dell’inverno, / ora un’aria di primavera. / Un uccello freddoloso / attende che esca il sole: / sopra il terreno bagnato / sospirano le viole… / Caterina!…Che vuoi di più? / Cerca di capirmi, cuore mio! / Marzo, lo sai, sei tu, / e quest’uccello sono io.

(Traduzione di P. P. Pasolini)