Lucrezio De Rerum Natura l’amore atomico

Lucrezio De Rerum Natura l’amore atomico

Libro 4, versi di 1037-1120, 1141-1184
L’amore è un tentativo di possedere una persona: tutto ciò che possiamo prendere sono dei flussi di atomi, dei simulacri. Quando ricaviamo il piacere, il desiderio non è saziato completamente ma continua sempre. Se l’amore non è saziabile non bisogna pensarci troppo e cambiare obiettivo. Si cerca di far male all’altro/a per espiare il proprio dolore; ciò che provoca sofferenza non può toglierla. Ci si può sfamare per sopravvivere ma non per completare il desiderio amoroso. Questo vale per gli amori felici; per quelli infelici invece ci sono altri innumerevoli problemi. L’amante non vede l’amata con occhi razionali ma ne vede solo i pregi anche tra i difetti. Quella è una donna come un’altra, inoltre abbiamo vissuto senza lei senza pensarci prima, quindi probabilmente non ce n’è necessità.
Precedente Lucrezio De Rerum Natura la morte non spaventa Successivo Lucrezio De Rerum Natura la natura ostile all'uomo