LEX DE IMPERIO VESPASIANI

LEX DE IMPERIO VESPASIANI

(CIL, VI, 930; ILS 244)

. . . . foedusue cum quibus uolet facere liceat ita, uti licuit diuo Aug(usto), |  Ti. Iulio Caesari Aug(usto), Tiberioque Claudio Caesari Aug(usto) Germanico.|

Utique ei senatum habere, relationem facere, remittere, | senatus consulta per relationem discessionemque facere liceat | ita, uti licuit diuo Aug(usto), Ti. Iulio Caesari Aug(usto), Ti. Claudio Caesari | Augusto Germanico.|

Utique cum ex uoluntate auctoritateue iussu mandatuue eius | praesenteue eo senatus habebitur, omnium rerum ius perinde | habeatur seruetur, ac si e lege senatus edictus esset habereturque. |

Utique quos magistratum potestatem imperium curationemue | cuius rei petentes senatui populoque Romano commendauerit | quibusque suffragationem suam dederit promiserit, eorum | comitis quibusque extra ordinem ratio habeatur . |

Utique ei fines pomerii proferre promouere, cum ex re publica | censebit esse, liceat ita, uti licuit Ti. Claudio Caesari Aug(usto) | Germanico. |

Utique quaecunque ex usu rei publicae maiestateque diuinarum | humanarum publicarum priuatarumque rerum esse | censebit, ei agere facere ius potestasque sit, ita uti diuo Aug(usto), Tiberioque Iulio Caesari Aug(usto), | Tiberioque Claudio Caesari | Aug(usto) Germanico fuit. |

Utique quibus legibus plebeiue scitis scriptum fuit, ne   diuus   Aug(ustus),  |  Tiberiusue  Iulius  Caesar Aug(ustus),       Tiberiusque       Claudius      Caesar Aug(ustus) | Germanicus tenerentur, iis legibus plebisque scitis imp(erator) Caesar | Vespasianus solutus sit ; quaeque ex quaque lege rogatione | diuum Aug(ustum), Tiberiumue Iulium Caesarem Aug(ustum),   Tiberiumue   |   Claudium   Caesarem Aug(ustum) Germanicum facere oportuit, | ea omnia imp(eratori) Caesari Vespasiano Aug(usto) facere liceat . |

Utique quae ante hanc legem rogatam acta gesta | decreta imperata ab imperatore Caesare Vespasiano Aug(usto) | iussu mandatuue eius a quoque sunt, ea perinde iusta rataq(ue) | sint, ac si populi plebisue iussu acta essent. |

Sanctio

Si quis huiusce legis ergo aduersus leges rogationes plebisue scita | senatusue consulta fecit fecerit, siue quod eum ex lege rogatione | plebisue scito s(enatus)ue c(onsulto) facere oportebit, non fecerit huius legis | ergo, id ei ne fraudi esto, neue quit ob eam rem populo dare debeto, | neue cui de ea re actio neue iudicatio esto, neue quis de ea re apud | [s]e agi sinito.

[… gli] sia consentito di stipulare trattati con chi vorrà, così come fu consentito al divo Augusto, a Tiberio Giulio Cesare Augusto e a Tiberio Claudio Cesare Augusto Germanico.

Gli sia consentito di convocare il senato, presentare una proposta, congedare l’assemblea, far approvare un senatoconsulto tramite la presentazione di una proposta e un voto per separazione, così come fu consentito al divo Augusto, a Tiberio Giulio Cesare Augusto, Tiberio Claudio Cesare Augusto Germanico.

Quando il senato sarà convocato per sua volontà o autorità, ordine o incarico o in sua presenza, si mantenga e si conservi la pienezza del diritto, come se il senato fosse stato convocato e si tenesse in base alla legge.

Annunci

Degli aspiranti a una magistratura, a un potere, a un comando o a una qualsiasi funzione, ai quali avrà dato e promesso il suo sostegno, si tenga conto al di fuori delle liste ufficiali in qualsiasi assemblea.

Gli sia consentito di spostare e far avanzare i confini del pomerio, quando lo riterrà utile per lo stato, così come fu consentito a Tiberio Claudio Cesare Augusto Germanico.

Abbia il diritto e il potere di compiere e realizzare qualunque cosa riterrà utile allo stato per la grandezza delle questioni divine, umane, pubbliche e private, così come poterono fare il divo Augusto, Tiberio Giulio Cesare Augusto, Tiberio Claudio Cesare Augusto Germanico.

L’imperatore Cesare Vespasiano sia svincolato da quelle leggi e da quei plebisciti dai quali fu scritto che non fossero vincolati il divo Augusto o Tiberio Giulio Cesare Augusto e Tiberio Claudio Cesare Augusto Germanico e all’imperatore Cesare Vespasiano Augusto sia consentito fare tutto quello che fu necessario che facessero, in base a qualsiasi legge o proposta, il divo Augusto, Tiberio Giulio Cesare Augusto o Tiberio Claudio Cesare Augusto Germanico.

Quello che prima di questa legge sia stato compiuto, realizzato, deciso, comandato dall’imperatore Cesare Vespasiano Augusto o da chiunque su suo ordine o incarico sia valido come se fosse stato compiuto per ordine del popolo o della plebe.

Sanzione

Se qualcuno, in forza della presente legge, abbia compiuto o avrà compiuto atti contrari a leggi, proposte, plebisciti o senatoconsulti o se, in forza della presente legge, non avrà compiuto quello che dovrà compiere in base a una legge, proposta, plebiscito o senatoconsulto, non subisca danno, nessuno debba rendere conto al popolo per questi fatti, nessuno sia accusato o citato in giudizio per questi fatti, nessuno consenta che presso di sé si intenti un processo per questi fatti.

/ 5
Grazie per aver votato!

Privacy Policy Cookie Policy

error: Content is protected !!