Le dee greche e romane

Le dee greche e romane

Le dee greche e romane


In latino

Romae multae deae honorantur: Iuno deorum regina et Iovis uxor Diana Minerva et Vesta. Diana silvarum et ferarum regina est et pharetra sagittisque in umbrosis silvis feras necat. Minerva galea et hasta ornata non solum sapientiae dea est sed etiam pugnarum. Vesta domesticae vitae dea honoratur rosarum et violarum coronis a matronis et puellis. Iuno Diana Minerva et Vesta etiam in Graecia honorantur sed alio nomine: a Graecis enim appellantur Hera Artemis Athena et Hestia. Athena nomen dedit Athenis quare Athenarum incolae deam honorant ut patronam urbis. Athenae etiam Musarum dearum artium patria sunt. Poetae a Musis inflantur et claras athletarum victorias carminibus celebrant: quare poetae Musas amant et Musis amantur.

In italiano

A Roma sono onorate molte dee: Giunone, regina degli dei e moglie di Giove, Diana, Minerva e Vesta. Diana è la regina dei boschi e delle fiere e con la faretra e le frecce uccide le fiere in ombrosi boschi. Minerva, ornata di elmo e lancia, non è solo la dea della sapienza, ma anche delle battaglie. Vesta, dea della vita domestica, è onorata con corone di rose e di viole dalle matrone e dalle fanciulle. Giunone, Diana, Minerva e Vesta sono onorate anche in Grecia, ma con un nome diverso: infatti sono chiamate dai Greci Era, Artemide, Atena e Estia. Atena dette il nome ad Atene, per questo gli abitanti onorano la dea come matrona della città. Atene è anche la patria delle Muse, dee delle arti. I poeti sono ispirati dalle Muse e con canti celebrano le illustri vittorie degli atleti: per questo i poeti amano le Muse e sono amati dalle Muse.