LAVANDARE DI PASCOLI PARAFRASI

LAVANDARE DI PASCOLI PARAFRASI


Nel campo per metà arato e per metà non lavorato/
Si trova un aratro senza buoi, che sembra/
Abbandonato tra una nebbia leggera/

E dal vicino torrente si sentono/
Gli echi del lavorare delle lavandaie/
Il rumore dei panni sbattuti e delle lunghe cantilene/

Il vento soffia forte e le foglie cadute dagli alberi sembrano neve/
E tu non ritorni ancora nel tuo paese!/
Come sono rimasta male quando sei partito!/
Come l’aratro abbandonato nel campo rimasto incolto.//

Precedente Il Palombaro Corrado Govoni Successivo Analisi metrica di lavandare di Giovanni Pascoli