inizio della terza guerra punica

inizio della terza guerra punica

TESTO ORIGINALE 

Tertii Punici belli initium altero et sexcentesimo anno ab urbe condita, intra quintum annum quam eram coeptum , consummati.Inter M.Porcium Catonem et Scipionem Nasicam, quorum alter sapientissimus vir in civitate habebatur, alter optimus etiam a senatu iudicatus erat , diversis certatum sententiis est, Catone suadente bellum , et ut tolleretur delereturque Carthago, Nasica dissuadente. Placuit tamen , quod contra foedus naveshaberent, quod exercitus extra fines duxissent , quod socio populi Romani et amico Massinissae arma intulissent, quod filium eius Gulussam, qui cum legatis romanis erat, in oppidum non recepissent, bellum iis indici.Priusquam ullae copiae in naves imponerentur, Uticenses legati Roman venerunt, se suaque omnia dedentes.Ea legatio, veluti omnem grata patribus,acerba Carthaginiensibus fuit.

TRADUZIONE

L’inizio della terza guerra punica finita entro 5 anni dacchè era cominciata, fu nell’anno 602 dalla fondazione di Roma. Tra Marco Porcio Catone E Scipione Nosica, dei quali l’uno era considerato uomo molto sapiente tra la cittadinanza, anche l’altro era giudicato molto illustre dal senato, ci fu disputa per diverse opinioni, Catone consigliando la guerra , affinchè Cartagine fosse distrutta e annientata, Nasica sconsigliandola. Tuttavia si decise che la guerra sarebbe stata dichiarata a quelli perchè contro il trattato di alleanza costruivano navi; perchè avevano portato gli eserciti fuori dai confini, perchè avevano portato la guerra a Massinissa alleato e amico del popolo romani, perchè non avevano accolto suo figlio Golasse che si trovava con i legati romani. Prima che nessuna truppa fosse salita sulle navi, andarono a Roma ambasciatori di Utica, offrendo se stessi e tutti i loro beni. Questa ambasciata, fu come un presagio piacevole per il senato, fu (un presagio) amaro per i Cartaginesi.

Precedente Ultimatum dei Romani respinti dai cartaginesi Successivo LE BUCOLICHE