IL VERISMO CARATTERISTICHE

IL VERISMO CARATTERISTICHE

IL VERISMO CARATTERISTICHE

Il Verismo é un movimento letterario e artistico italiano che ispirandosi al Naturalismo francese e al Positivismo teorizza una rigorosa fedeltà alla realtà effettiva delle situazioni, dei fatti, degli ambienti, dei personaggi e si esprime con un linguaggio che è quello dei soggetti che vengono rappresentati. Richiamandosi al naturalismo francese delle opere di Emile Zola, ma anche ad Alessandro Manzoni e alla scapigliatura, il movimento tende a descrivere la vita della gente umile, dei reietti dalla società che si affannano nella lotta per la sopravvivenza, contro la fatalità del destino. Il periodo storico del Verismo è quello immediatamente successivo all’Unità d’Italia e proprio questa forzata annessione del meridione al regno ha evidenziato le differenze tra un nord più organizzato, ricco e produttivo e un sud povero e arretrato. Tra l’altro il popolo del meridione non aveva partecipato in prima persona agli eventi del Risorgimento e dunque vive l’annessione al regno come qualcosa che non lo riguarda, come una forzatura. Infatti il sud sarà il luogo in cui prospererà il brigantaggio e l’illegalità.

LE CARATTERISTICHE

Gli autori veristi cercano di scoprire le leggi che regolano la società umana, muovendo dalle forme sociali più basse (pescatori, proprietari terrieri) verso quelle più alte (nobili, intellettuali), come fa lo scienziato in laboratorio quando cerca di scoprire le leggi fisiche che stanno dietro ad un fenomeno. L’attenzione si pone alla realtà quotidiana, ai fatti di tutti i giorni, egli non dà giudizi sulle azioni dei personaggi o sui fatti che accadono secondo la cosiddetta teoria dell’impersonalità, ma rimane fedele ai fatti, come se stesse eseguendo una indagine scientifica, ricerca le cause del suo evolversi, che sono sempre naturali. … l’oggetto sono i “documenti umani”, cioè fatti veri, storici; e l’analisi di tali documenti dev’essere condotta con “scrupolo scientifico” … (G. Verga) L’autore trasmette con oggettività i sentimenti e le passioni dei personaggi senza lasciarsi coinvolgere e senza commentare. I personaggi non vengono presentati, ma entrano in scena e iniziano a parlare e ad agire senza che a noi venga data alcuna spiegazione. Sembra quasi che la storia si svolga da sé davanti ai nostri occhi e che l’autore si occupi solo della trasmissione (eclissi dell’autore) L’artista deve ispirarsi unicamente al vero cioè desumere la materia della propria opera da avvenimenti realmente accaduti e preferibilmente contemporanei, limitandosi a ricostruirli obiettivamente ovvero rispecchiando la realtà in tutti i suoi aspetti e a tutti i livelli sociali. A causa delle diversità regionali rappresentate dagli scrittori anche il modo di scrivere cambia nel verismo dando spazio ai dialetti. La sintassi è semplice e stringata, il linguaggio è quello vivo della gente di paese e si riscontrano spesso proverbi popolari o intercalari tipici.

I TEMI E I SOGGETTI

Lo scrittore verista: si occupa di situazioni quotidiane reali e soprattutto di quelle più drammatiche: la plebe meridionale, il lavoro minorile, l’emigrazione. Al nord, la maggiore articolazione della compagine sociale, con l’affermarsi, accanto ai ceti elitari, di una media e piccola borghesia costituita da professionisti e da ceti impiegatizi legati all’apparato industriale, porta all’ampliamento della “base sociale” della letteratura, cioè al numero degli autori e dei lettori, parallelamente a nuove a varietà letterarie, dal romanzo di consumo al romanzo di appendice. Al sud, il verismo, non essendovi un proletariato urbano o i bassifondi di una capitale tentacolare da “studiare”, si interessò all’umile vita dei contadini e dei pastori con le loro passioni elementari. Non a caso gli scrittori più rappresentativi della corrente, da Verga a Capuana, da De Roberto alla Deledda, furono meridionali o isolani.

LE OPERE più SIGNIFICATIVE

Il romanzo Giacinta di Luigi Capuana può essere considerato una delle opere più rappresentative del Verismo. Narra di un caso di suicidio che viene studiato, dall’autore, con una fermezza scientifica se non addirittura clinica. Altro colosso del verismo è I Malavoglia di Giovanni Verga, opera che tratta la lotta, ai livelli più bassi della scala sociale siciliana, per i bisogni primari della vita quando comincia a farsi viva nell’anima delle persone la voglia di benessere. L’ambiente umano è umile, culturalmente lontano dal narratore che lo descrive senza interventi personali cosicché possa risultare assolutamente veritiero.

 

Privacy Policy

Cookie Policy

error: Content is protected !!