IL VENTO DI GIOVANNI PASCOLI

IL VENTO DI GIOVANNI PASCOLI

TESTO E PARAFRASI


TESTO

Nell’aria grigia e morta
c’è un’onda di lamento.
Qualcuno urta la porta:
— Avanti! passi! — È il vento.
Vento del Nord che porta
e neve e fame e stento:
la macchia irta e contorta
ulula di spavento.
Passano neri stormi
in frettoloso oblìo,
passano nubi informi.
Tutto nell’aria oscura
fugge e s’invola— addio —
da non so qual sventura.


PARAFRASI

Nell’aria triste e morta si
sentono dei lamenti.
Qualcuno urta la porta: è il
vento.
E’ il vento del nord che
porta neve, fame e miseria.
Anche il bosco sembra
urlare di spavento
Passano stormi di uccelli
neri e nuvole scure.
Nell’ aria triste e oscura
tutto sparisce e passa col
tempo

Privacy Policy

Cookie Policy