I poemi ciclici nel giudizio di Aristotele e di Quinto Smirneo

I poemi ciclici nel giudizio di Aristotele e di Quinto Smirneo

Giovanni Cerri

Argomento del poema di Quinto
Libro I: I primi due versi rendono subito chiaro che il poema si configura come continuazione del racconto contenuto nell’Iliade di
Omero: “Allorché per mano del Pelide fu ucciso Ettore simile a un dio,/e la pira l’ebbe consunto e la terra ne ebbe occultato le
ossa…”. È evidente il riferimento al finale dell’Iliade, della quale il nuovo poema, dunque, vuole proseguire……………..


clicca qui sotto per aprire pdf

 

I poemi ciclici nel giudizio di Aristotele e di Quinto Smirneo (0 download)

 

Annunci

Privacy Policy Cookie Policy

error: Content is protected !!