George Berkley 1685-1753

George Berkley 1685-1753

George Berkley 1685-1753


Berkley era un prete irlandese, poi diventato vescovo (uomo religioso), era un difensore della religione.

Principi della conoscenza umana
Immaterialismo spiritualistico

“Esse est percipi”: essere è essere percepito
Tutto ciò che esiste è riconducibile a ciò che percepisce la mente umana. L’esistenza delle cose consiste nel loro essere percepite.

Abbiamo esperienza non delle cose esterne, ma di una serie di idee che sono quelle della nostra mente.

– Incapacità di astrazione dell’uomo
– Nominalismo radicale
Cosa: insieme di idee
Oggetto della conoscenza sono le idee, non oggetti/cose; l’idea esiste se è percepita, il suo “esse” consiste nel suo “percipi”. L’unica sostanza reale è lo spirito, che percepisce le idee (la materia, se ci fosse, sarebbe inattiva e non potrebbe produrre le idee).
Le idee devono avere una causa (no idee inattive, no materia). Attivo è solo lo spirito che possiede le idee (le unisce, le seleziona, ma non dipendono dai suoi desideri, sono cose naturali).

Le idee devono essere prodotte in noi da uno spirito superiore (Dio). Quando non percepiamo idee, è Dio a percepirle tutte e solo in questo senso è possibile parlare di mondo esterno/sensibile.

Spirito + Spirito infinito + idee = realtà

Materialismo affine all’ateismo
Spiritualismo affine al teismo (studiare la natura = studiare il linguaggio divino)

Precedente La riproduzione delle cellule Successivo Scintoismo in breve