FIGURE RETORICHE IN MORTE DEL FRATELLO GIOVANNI

figure-retoriche-in-morte-del-fratello-giovanni

FIGURE RETORICHE IN MORTE DEL FRATELLO GIOVANNI

FIGURE RETORICHE IN MORTE DEL FRATELLO GIOVANNI


Gemello del sonetto A Zacinto, ne riprende i temi, introducendo l’evento luttuoso del suicidio del fratello minore di Ugo Foscolo, Giovanni Dionigi, ufficiale dell’esercito della Repubblica Cisalpina, uccisosi a vent’anni nel 1801, forse per il disonore di aver sottratto alla cassa del reggimento la somma necessaria a saldare i propri debiti di gioco. A lui dedicato, ne prende anche il titolo: In morte del fratello Giovanni. Decimo dei dodici Sonetti del Foscolo, come il precedente, fonde la tradizione neoclassica con la cultura del Romanticismo.

Composto nel 1803 a Milano, dove il Foscolo si trovava in esilio, il sonetto, altrettanto bello quanto il precedente, ne accentua ulteriormente il senso di sconforto esistenziale. Anche stavolta il poeta si avvale dei temi della cultura classica. Compaiono riferimenti ad alcuni celebri versi che il poeta Catullo scrisse per commemorare la morte del proprio fratello, e la composizione risuona dei modelli poetici e dei versi di Tibullo, Virgilio e Petrarca.


In morte del fratello Giovanni

Un dì, s’io non andrò sempre fuggendo

di gente in gente, me vedrai seduto

su la tua pietra, o fratel mio, gemendo

il fior de’ tuoi gentil anni caduto.

La Madre or sol suo dì tardo traendo

parla di me col tuo cenere muto,

ma io deluse a voi le palme tendo

e sol da lunge i miei tetti saluto.

Sento gli avversi numi, e le secrete

cure che al viver tuo furon tempesta,

e prego anch’io nel tuo porto quiete.

Questo di tanta speme oggi mi resta!

Straniere genti, almen le ossa rendete

allora al petto della madre mesta.

Parafrasi

Un giorno se io non sarò sempre costretto a fuggire di paese in paese mi vedrai seduto sulla tua tomba a piangere per la tua giovinezza troppo presto stroncata dalla morte.

Ora solo nostra madre, trascinando i suoi ultimi giorni, parlerà di me con le tue spoglie e io non posso fare altro che porgere le mie braccia e salutare la mia città. Sento anch’io l’ostilità degli dei e le angosce che hanno turbato la tua vita e prego affinchè anch’io possa trovare pace nella morte.

Questo solo mi resta di tante speranze giovanili! Dopo la mia morte, che avverrà lontano dalla mia città, vorrei solo che qualcuno riporti le mie spoglie a mia madre.

FONTE:https://www.italialibri.net/opere/inmortedelfratellogiovanni.html

Spiegazione

L’incipit che fu di Catullo («Dopo aver traversato terre e mari») assume qui l’impeto della poesia foscoliana («Un dì, s’io non andrò sempre fuggendo»). Il poeta afferma di sperare un giorno di recarsi sulla tomba del fratello a piangere la sua giovinezza così bruscamente stroncata. La madre, rimasta sola e in età avanzata, ormai trascina gli anni, e il poeta la immagina impegnata in un monologo delirante, mentre parla, con il fratello morto («cenere muto») del fratello assente.

Preclusa la possibilità di rientrare a Venezia, ceduta da Napoleone all’Austria, il poeta tende le mani, in saluto, da lontano, in volo col pensiero sopra i tetti della città.

Una sfortuna ostinata ai tavoli da gioco, le angosce serbate nel privato e, forse per vergogna, mai condivise con alcuno, che il poeta riconosce nel tragico, improvviso gesto di Giovanni, lo inducono a pregare che il fratello possa trovare almeno in morte quella serenità che gli è stata preclusa in vita. Per quanto, di tutte le belle speranze che il poeta riponeva – in se stesso, nel futuro del fratello, nel destino politico di Venezia e nella possibilità dell’esistenza di Dio – «questo» è quanto resta: «vane parole» direbbe Catullo, il cui verso, nella traduzione di Salvatore Quasimodo, recita: «a dire vane parole alle tue ceneri mute». Quando sarà il suo momento, per sé prega il poeta il popolo straniero sul cui suolo si sarà trovato a passare, di voler rendere le proprie spoglie al cordoglio della madre. Un gesto di grande umanità e, allo stesso tempo, di alta simbolicità: pietà e dolore si uniscono nell’invocazione alla comprensione tra i popoli.

Temi

La morte del fratello, la madre anziana e sola, la condizione di esule sono sentimenti romantici che danno al sonetto un’intensità vibrante ed estrema. Questa lirica sovverte l’ideale del Winckelmann per il quale, secondo il principio per il quale il fondo del mare rimane sempre tranquillo per quante agitata possa essere la superficie, così nell’arte greca l’ideale della bellezza è specchio di un’umanità autonoma, caratterizzata da una armonica fusione di corpo e di spirito, da un nobile dominio delle passioni. In morte del fratello Giovanni mette in primo piano il tumulto delle passioni e infonde vivacità e agitazione anche alla forma che diviene essa stessa più movimentata e calda.

Il primo verso, il riferimento agli dei Numi, l’uso di latinismi come cenere, palme, speme, sono elementi neoclassici

Figure Retoriche

lallitterazione consonantica con il dominio delle consonanti t, r e d e l’allitterazione assonantica

con il dominio delle vocali o ed e;

allitterazione G nei primi due versi;

sineddoche( la parte per il tutto) PIETRA=tomba; metafora FIOR….. = giovinezza precocemente finita; allitterazione della D verso 5,

metafora SUO DI’ TARDO… = la sua vecchiaia;

metafora CENERE MUTO= sulla tua tomba;

sineddoche LE PALME= le braccia;

sineddoche MIEI TETTI= la mia città;

Metafora TEMPESTA=sconvolgimento, dolore;

metafora PORTO= morte, luogo di pace;

sineddoche OSSA= resti mortali, spoglie;

Struttura

  • sonetto, a rima secondo lo schema ABAB ABAB CDC DCD, possiede Periodi sintattici in prevalenza paratattici con poche subordinate. La struttura è meno complessa rispetto al sonetto A Zacinto, ma non per questo meno convincente, anzi è più pacata e più calma, sorretta dai riferimenti ai classici.

    https://www.appunti.info/figure-retoriche-in-morte-del-fratello-giovanni/