FANTASMA DI CANTERVILLE

FANTASMA DI CANTERVILLE

FANTASMA DI CANTERVILLE


Fantasma di Canterville (The Canterville Ghost, 1887) è un celebre racconto umoristico giovanile di Oscar Wilde. Pubblicato per la prima volta sulla rivista Court and Society Review, il racconto ebbe un enorme successo e alcuni elementi della storia sono entrati nell’immaginario popolare. Ne sono stati realizzati numerosissimi adattamenti per il cinema, la televisione e il teatro. È una parodia delle storie di fantasmi.

Il fantasma di Canterville è una parodia delle storie di fantasmi popolari scozzese. Un ambasciatore americano (Hiram B. Otis) si trasferisce in Inghilterra dagli stati uniti d’Ameria insieme alla famiglia, andando ad abitare nel castello di Canterville. Questo risulta infestato dal fantasma di un certo Sir Simon di Canterville, antico proprietario del castello poi scoperto dai nuovi propretari uxoricida. Codesto infatti nel 1575 uccise sua moglie Lady Eleonore di Canterville. Lui le sopravisse per nove anni poi lui scomparse in circostanze assai misteriose. La cosa strana è il suo corpo non è mai stato rinvenuto L’effetto comico si sviluppa dall’atteggiamento incredulo e realistico degli Otis, che porta al fallimento di tutti i tentativi del fantasma di terrorizzare la famiglia, in modo che si decidano ad abbandonare la casa. Il primo è l’apparizione continua della macchia di sangue di Lady Eleonore che è posizionata sul pavimento della libreria e che la famiglia Otis aveva smacchiato poco tempo prima e dopo ogni continua apparizione di essa. Poi il fantasma con le sue catene rumoreggia per tutta la casa, ma Mr. Otis chiede gentilmente al fantasma di oliare le catene. Il terzo tentativo di spaventare la famiglia è quello di ululare in profonda notte e Mrs. Otis dice al fantasma di prendere uno sciroppo per la gola. Alla fine, però, Virginia, la figlia del signor Otis, cerca di instaurare un rapporto con lo spettro, e ci riesce; pregando per la salvezza della sua anima, gli fa ottenere il perdono Divino. Ma Wilde riserva ancora una sorpresa nel finale, mostrando una Virginia ormai donna e sposata che ritorna sulla tomba del fantasma a ripensare alla sua avventura con indosso gli antichi gioielli dei Canterville ora appartenenti agli Otis.

Precedente La Locandiera di Goldoni locanda mirandolina Successivo Maria Paola Buonaparte

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.