DECADENTISMO CARATTERI

DECADENTISMO CARATTERI

DECADENTISMO CARATTERI


DECADENTISMO
Originariamente movimento sorto nell’ambiente parigino durante gli anni 80, con un preciso programma culturale, espresso esplicitamente da manifesti,organi di stampa e altre pubblicazioni.
Per la storiografia letteraria diventa una corrente culturale di dimensioni europee negli ultimi due decenni dell’800 e nel primo 900
Somma di manifestazioni tra loro anche assai differenti con denominatori comuni
Gli scrittori
• patiscono le contraddizioni del sistema e i meccanismi di esclusione e emarginazione
• Rifiutano radicalmente l’ordine esistente con i loro atteggiamenti maledetti e estetizzanti
• Escono totalmente dall’orizzonte culturale borghese
Situazione sociale
1. Il proletariato si pone sempre più in antagonismo nei confronti del capitale
2. Il proletariato si dà una salda organizzazione
3. “ con gli scioperi ad oltranza punta al rovesciamento rivoluzionario dell’intero sistema
4. La borghesia di fronte a questa minaccia si chiude in difesa dei propri interessi
5. “ abbandona i principi liberali , democratici e progressisti che aveva assunto nella fase della sua ascesa
6. “ finisce per far trionfare al suo interno tendenze autoritarie, ultrareazionarie, aggressive che inducono l’uso di mezzi violenti per stroncare i conflitti di classe
Il poeta si sente sempre più vicino alla condizione proletaria, ma ne ha orrore e tende a difendersi dalla degradazione accentuando il suo aristocratico disprezzo per le classi basse, rivendicando la sdua superiorità spirituale e la sua eccezionalità
CARATTERI
RIFIUTO metodo scientifico
Irrazionalismo
Ripiegamento dell’individuo su se stesso
Soggettivismo estenuato
Fuga verso un altrove
Malattia
simbolismo
estetismo

FONDAMENTI IDEOLOGICI DA
• Nietzsche
• Bergson
• freud
TIPOLOGIA DECADENTE
• il maledetto
• l’esteta
• il superuomo
• il fanciullino
• la donna fatale
• l’inetto
TECNICHE ESPRESSIVE
valore evocativo e suggestivo della parola
la parola perde la semplice funzione di puro segno di significato per assumere quello di avvicinamento all’essenza misteriosa delle cose
le parole(insieme di vocali e consonanti) sapientemente selezionate e combinate, sprigionano inediti rapporti fonici, risonanze, suggestioni che vanno oltre il valore semantico e referenziale, acquistando un potere quasi magico, capace di rendere un’illuminazione repentina o un imponderabile stato d’animo.
Crisi della sintassi
I nessi coordinativi e subordinativi della sintassi, poiché nascono da un dominio razionalistico sul linguaggio, sono del tutto estranei alla nuova poesia. Inoltre impediscono alla parola di sprigionare le sue energie, imprigionandola nelle intelaiature logiche.