da Myricae lavandare temporale il lampo

da Myricae lavandare temporale il lampo

  • LAVANDARE
  • Nel campo mezzo grigio e mezzo nero
  • resta un aratro senza buoi che pare
  • dimenticato, tra il vapor leggero.
  • E cadenzato dalla gora viene
  • lo sciabordare delle lavandare
  • con tonfi spessi e lunghe cantilene:
  • Il vento soffia e nevica la frasca,
  • e tu non torni ancora al tuo paese!
  • quando partisti, come son rimasta!
  • come l’aratro in mezzo alla maggese.
  • TEMPORALE
  • Un bubbolìo lontano. . .
  • Rosseggia l’orizzonte,
  • come affocato, a mare:
  • nero di pece, a monte,
  • stracci di nubi chiare:
  • tra il nero un casolare:
  • un’ala di gabbiano.
  • IL LAMPO
  • E cielo e terra si mostrò qual era:

    la terra ansante, livida, in sussulto;
    il cielo ingombro, tragico, disfatto:
    bianca bianca nel tacito tumulto
    una casa apparì sparì d’un tratto;
    come un occhio, che, largo, esterrefatto,
    s’aprì si chiuse, nella notte nera.

Precedente dalla Gerusalemme Liberata (canto IV, 9-17) Successivo traduzione libro 3 vv 830-869 de rerum natura