Annunci

CON PIU M’ALLUNGO PIU M’E’ PROSSIMANA

CON PIU M’ALLUNGO PIU M’E’ PROSSIMANA

Annunci

Guittone d’Arezzo


“Con più m’allungo, più m’è prossimana
la fazzon dolce de la donna mia,
che m’aucide sovente e mi risana
e m’ave miso in tal forsenaria,
che ‘n parte ch’eo dimor’ in terra strana,
me par visibil ch’eo con ella sia,
e un ‘or credo tal speranza vana
ed altra mi ritorno en la follia.
Così como guidò i Magi la stella,
guidame sua fazzon gendome avante,
che mi par e incarnat’ella.
Però vivo gioioso e benistante,
chè certo senza ciò crudele e fella
morte m’auciderea immantenante”.


Il poeta afferma che è lontano dalla sua amata , ma l’amore lo porta ad una tal follia da vederla vicino a lui in carne ed ossa. Lei per lui è come la stella che guidò i Magi e lo guida facendolo felice.S enza di lei morirebbe.


Livello metrico
Sonetto con rime alternate (ABAB, ABAB) nelle quartine e invertite (CDC, DCD) nelle terzine. La sinalefe è presente (es: verso 3,13), come pure la sineresi (versi 3,14)
Retorica:
Similtudine al v.9 , Endiadi al v.13 .

/ 5
Grazie per aver votato!

Privacy Policy Cookie Policy

error: Content is protected !!