COMMENTO A SILVIA DI GIACOMO LEOPARDI

COMMENTO A SILVIA DI GIACOMO LEOPARDI

COMMENTO A SILVIA DI GIACOMO LEOPARDI


Commento: in questo canto, composto nel 1828 29, Leopardi ricorda la giovane Silvia, sua amica di gioventù. In particolare ricorda di quando lui e la ragazza, pieni di speranza, guardavano al loro futuro con grandi aspettative: che pensieri soavi, che speranze, che cori o Silvia mia; quale allor c’appariva la vita umana e il fato. Ma la speranza non si realizza: Silvia muore pochi mesi dopo e poco dopo muore anche la speranza che il giovane Leopardi nutriva. La natura non ha permesso che le loro aspettative si realizzassero: o natura perché non rende poi quel che prometti allora? Perché di tanto inganni i figli tuoi? Leopardi ormai comprende che le illusioni, di cui la natura ci ha fornito, illusioni come il ricordo e la speranza, sono solo inganni della natura per far sì che noi tiriamo avanti nella vita e, riproducendoci, contribuiamo alla conservazione della specie. E’ quanto il poeta ha affermato nello Zibaldone: l’esistenza non è per l’esistente, la vita non è fatta per l’uomo, bensì l’uomo esiste perché la vita, il ciclo naturale universale, possa continuare, senza tener conto della sofferenza degli individui.

Precedente LEOPARDI L'INFINITO COMMENTO Successivo IL SABATO DEL VILLAGGIO COMMENTO