Clazomene simonide

Clazomene simonide

Simonide riconquista la sua ricchezza, versione da Fedro


Prope fuit Clazomene, antiqua urbs: omnes naufragi illuc contenderunt. Ibi vir, litterarum studio deditus, qui Simonidis carmina saepe legerat et eius magnus admirator erat, cupide ad domicilium suum poetam naufragum recepit et veste, nummis, familia eum exornavit. Ceteri autem per urbem mendicantes vivebant. Ut forte Simonides eos obvios venientes vidit: “Sententiam meam – inquit – nunc intellegitis: omnia mea mecum sunt quia homo ductus in se semper divitias habet; vos autem vestra bona levia et fugacia omnia perdidistis”.


Vicino vi fu Clazomene, antica città: tutti i naufraghi si diressero in quel luogo. Là un uomo, dedito allo studio della letteratura, che aveva spesso letto le poesie di Simonide ed era un suo grande ammiratore, accolse volentieri il poeta naufrago nella sua casa e gli fornì una veste, dei soldi, degli schiavi. Ma gli altri mendicanti vivevano per la città. Quando Simonide li vide per caso venirgli incontro, disse: “Capite il mio pensiero ora: tutti i miei beni sono con me poiché un uomo dotto ha sempre con sé le ricchezze; voi, invece, avete perso tutti i vostri beni superficiali e passeggeri”.

Precedente TEORIA DI SPALLANZANI Successivo parafrasi italia mia