CARLO PORTA

CARLO PORTA


Carlo Porta fu un poeta milanese nato nel 1775. Inizialmente forzato dal padre a lavorare come impiegato, iniziò a scrivere poesie in dialetto milanese usando lo pseudonimo di Domenico Balestrieri.

Dopo la conquista francese di Milano, cadde in difficoltà economiche e si trasferì a Venezia con il fratello. Una volta tornato a Milano, iniziò a frequentare ambienti culturali e teatrali.

La sua carriera decollò con la traduzione in milanese dell’Inferno di Dante, che gli diede popolarità. Scrisse altre opere famose come “Desgrazzi de Giovannin Bongee” e “Lament del Marchionn di gamb avert”.

Subì la censura austriaca a causa di un poemetto anti-Austriaco che in realtà non aveva scritto. Nonostante questo, riuscì a pubblicare una raccolta di poesie nel 1817.

Nella sua casa nacque “La Cameretta”, un circolo culturale dove si discuteva di letteratura e attualità. Morì a Milano nel 1821.

/ 5
Grazie per aver votato!