CANTO QUATTORDICESIMO L’INGANNO A ZEUS

CANTO QUATTORDICESIMO L’INGANNO A ZEUS

CANTO QUATTORDICESIMO L’INGANNO A ZEUS


Nestore, vedendo l’esercito acheo in grave difficoltà, si reca da Agamennone e trova i maggiori tra i capi feriti e indecisi sul da farsi: Agamennone propone nuovamente la fuga, ma Ulisse si ribella. Decidono perciò, impossibilitati a scendere in battaglia, di incoraggiare i compagni con la voce. Intanto Era architetta un inganno contro Zeus: convince il Sonno a calare sul dio, in modo che Poseidone abbia campo libero nell’aiutare i Greci. Ciò avviene ed Aiace Telamonio riesce a colpire Ettore con un macigno, facendolo cadere a terra privo di sensi. I compagni lo traggono fuori dal combattimento, salvandolo dalla furia degli Achei.

Precedente LIBRO VENTIDUESIMO UCCISIONE DI ETTORE Successivo CANTO SESTO COLLOQUIO DI ETTORE E ANDROMACA