CANTO 21 PURGATORIO RIASSUNTO

CANTO 21 PURGATORIO RIASSUNTO


Canto XXI
Dante prosegue il viaggio nel quinto girone, ma è tutto preso dal desiderio di conoscere
la causa del terremoto che ha scosso il monte del purgatorio e del canto del «Gloria »
che le anime hanno innalzato subito dopo. All’improvviso compare alle spalle dei due
pellegrini un’ombra che rivolge loro un augurio di pace: a quest’anima Virgilio chiede
spiegazione dei fatti misteriosi prima avvenuti. Il monte del purgatorio – spiega quello
spirito è soggetto a leggi ben precise, diverse da quelle che regolano la vita della natura
sulla terra, perché, al di sopra dei tre gradini sui quali si apre la porta del mondo della
penitenza, non si formano più grandine, neve, rugiada, brina, nuvole, lampi, arcobaleni,
né tanto meno, terremoti. Il monte del purgatorio viene scosso solo in una occasione:
quando una anima ha compiuto la sua purificazione ed è diventata degna di entrare in
paradiso; contemporaneamente tutti gli spiriti penitenti ringraziano Dio con il canto del
«Gloria». L’ombra, a una domanda di Virgilio, rivela finalmente il suo nome: è Stazio, il
famoso poeta latino, autore della Tebaide e della Achilleide, vissuto nel I secolo d. C.
Subito dopo aver spiegato che a Roma ebbe la consacrazione a poeta, Stazio inizia una
commossa esaltazione di Virgilio e della sua opera, affermando che l’Eneide non solo
alimentò ed educò il suo spirito poetico, ma ne f u anche mamma: ignaro di essere
davanti a colui che considera il suo maestro, dichiara che egli acconsentirebbe a restare
un anno di più nel purgatorio, pur di essere vissuto al tempo del grande mantovano.
Dopo queste parole Dante, vincendo l’umiltà e la ritrosia di Virgilio, rivela il nome della
sua guida.

Annunci

Privacy Policy Cookie Policy

error: Content is protected !!