CANTO 19 PURGATORIO RIASSUNTO

CANTO 19 PURGATORIO RIASSUNTO


Canto XIX
Dante si trova nella cornice degli accidiosi allorché, mentre l’alba è ormai prossima,
riceve in sogno una visione: gli appare l’immagine di una donna deforme, che in un
secondo tempo si trasforma, agli occhi del pellegrino, in una bellissima sirena, che cerca
di attirarlo con il fascino del suo canto. Ma un’altra figura femminile, comparsa
all’improvviso a fianco del Poeta, rivela il male nascosto in quella femmina balba
(balbuziente), riscuotendo Dante dal suo sonno. I due pellegrini possono così riprendere
il cammino, guidati verso il passaggio che porta al girone superiore dalla voce dell’angelo
del quarto girone, che assolve Dante dal peccato di accidia. Subito dopo Virgilio spiega al
discepolo che la mostruosa apparizione del sogno era simbolo dei peccati di avarizia, gola
e lussuria, che vengono espiati negli ultimi tre gironi del purgatorio. Nella quinta cornice,
dove le anime degli avari giacciono bocconi a terra, legate nelle mani e nei piedi, Dante
incontra l’ombra di Ottobuono dei Fieschi, che fu papa col nome di Adriano V: dopo aver
rivelato al pellegrino la sua dignità di un tempo, il pontefice confessale proprie colpe,
dichiarando però di essersi convertito subito dopo essere asceso alla cattedra di Pietro;
solo allora, infatti, comprese che nessun possesso terreno può placare la sete di
conquista dell’uomo e che la vera felicità è data solo dai beni spirituali.

Annunci

Privacy Policy Cookie Policy

error: Content is protected !!