APPUNTI SCUOLA NAPOLEONE BONAPARTE

APPUNTI SCUOLA NAPOLEONE BONAPARTE

NAPOLEONE BONAPARTE


Al termine del periodo del terrore la Francia è governata dal Direttorio, formato
da cinque componenti, della cui debolezza tentano di approfittare i Sanculotti
da una parte e i monarchici dall’altra. Il Direttorio affida al giovane generale
còrso Napoleone Bonaparte (nato ad Ajaccio nel 1769 e morto a Sant’Elena
nel 1821) la campagna d’Egitto, dove egli viene sconfitto dagli inglesi ad Abukir
(1798). Prima di ubbidire agli ordini provenienti dalla madrepatria e di ritirarsi
però, Napoleone tenta inutilmente di sottomettere il Vicino Oriente e pratica la
spoliazione di numerosi reperti archeologici che porta in Francia.
Per effetto della Costituzione concessa nel 1799, il potere è nelle mani di tre
consoli che rimangono in carica per dieci anni, ma nel 1799 Napoleone attua
un colpo di stato, rovescia il Direttorio e si nomina primo console. Per mezzo di
due plebisciti nel 1802 diviene console a vita e nel 1804 si proclama imperatore
dei francesi.
Napoleone ottiene importanti successi militari in Germania e in Italia. In
quest’ultima con il trattato di Campoformio (1797) Napoleone tratta a titolo
personale con gli austriaci: scompare la Repubblica di Venezia e vengono
fondate le Repubbliche napoleoniche volute dalla borghesia illuminata
(Repubblica Ligure, Cisalpina, Romana e Partenopea).
Napoleone impone lo Stato napoleonico riorganizzando un’amministrazione
civile centralizzata ed efficiente, firmando nel 1801 il Concordato con la Chiesa
cattolica e riorganizzando le leggi con il codice civile del 1804 (Codice
napoleonico).
Tra il 1800 e il 1812 l’Europa è sotto il suo controllo, egli colloca suoi familiari alla
guida di molti paesi europei, solo la Gran Bretagna rifiuta di sottomettersi. Dopo
il tentativo non riuscito di invadere l’isola e la vittoria navale dell’ammiraglio
inglese Orazio Nelson a Trafalgar (1805) Napoleone impone un blocco
continentale (1807) per isolare e piegare la Gran Bretagna; solo la Russia dello
zar Alessandro I non ubbidisce e allora inizia la campagna di Russia. I francesi
vincono la battaglia di Borodino ma vengono accerchiati e annientati dai russi
sul fiume Beresina. I francesi vengono così sconfitti dal Generale inverno, dei
600.000 soldati solo uno su dieci riesce a sopravvivere.
Inizia così il declino di Napoleone. Nel 1813 viene sconfitto a Lipsia (1813)
dall’alleanza antinapoleonica, abdica, viene mandato in esilio nell’isola d’Elba
e al suo posto torna a regnare Luigi XVIII. Egli però riesce a scappare e torna
trionfalmente in Francia acclamato dal suo popolo (1815). Viene però
nuovamente sconfitto a Waterloo (1815) e mandato in esilio a Sant’Elena,
un’isola lontanissima dall’Europa al largo dell’oceano Atlantico, dove muore il 5
maggio 1821.