APPUNTI SCUOLA L’IMPERO ROMANO

APPUNTI SCUOLA L’IMPERO ROMANO

APPUNTI SCUOLA L’IMPERO ROMANO


L’Impero Romano è solo l’ultima fase della storia di Roma. Essa si snoda per diversi secoli  e comprende numerose dinastie e tappe fondamentali che culminano poi nella caduta di Roma nel 476 d. Le due date che generalmente identificano l’inizio e la fine di un’entità statuale unica sono il 27 a.C., primo anno del principio di Ottaviano con il conferimento del titolo di Augusto, e il 395, allorquando, alla morte di Teodosio I, l’impero viene suddiviso in una pars occidentalis e in una orientalis. L’Impero romano d’Occidente si fa terminare per convenzione nel 476, anno in cui Odoacre depone l’ultimo imperatore legittimo, Romolo Augusto.

Ottaviano, riprendendo la politica di Cesare, accentrò su di sé tutte le principali cariche dello Stato, lasciando formalmente intatte le vecchie istituzioni repubblicane (senato ecc.). Dopo la battaglia di Azio, in cui sconfisse il rivale Antonio, egli ottenne il titolo di imperatore a vita (comandante supremo di tutte le forze militari), principe del senato (diritto di parlare per primo), augusto (protetto dagli dei), potestà tribunicia a vita (persona sacra e inviolabile, con diritto di veto sulle delibere del senato), console a vita (tutto il potere esecutivo), pontefice massimo(massima autorità religiosa) e altri titoli ancora. In alcune province orientali era anche considerato una sorta di divinità. Il cuore della vita politica divenne la corte imperiale (senatori, giuristi, letterati… scelti dall’imperatore). I senatori vennero ridotti di numero e si elevò il censo minimo per poterlo diventare.

Ottaviano fece importanti riforme amministrative (ad es. divise le province in senatorie e imperiali), finanziarie (ad es. volle a fianco del tesoro statale un proprio tesoro o fisco), militari (esercito permanente per l’impero e coorti pretorie per l’imperatore), etico-religiose (restaurò antiche tradizioni).

Quando morì si cercò di affermare la successione per ereditarietà (casa Giulio-Claudia): Tiberio (concilia principato-senato, politica di pace all’estero, muore Cristo), Caligola (supremazia del principato, culto dell’imperatore, culti/usanze orientali, favorisce schiavi/plebe per il consenso, muore ucciso), Claudio(concilia principato-senato, crea burocrazia di liberti imperiali, inizia persecuzioni anticristiane, amplia confini dell’impero, concede per la prima volta il diritto di cittadinanza a molti abitanti della Gallia, ammettendone alcuni al senato, al fine d’indebolirlo); Nerone (primato concesso al principato, è anticristiano, favorisce i ceti medio-piccoli imponendo che il denarius sia ridotto di titolo e di peso, ma con la stessa capacità di acquisto, fa uccidere il filosofo Seneca e il poeta Luciano congiurati contro di lui, si fa uccidere da uno schiavo dopo essere stato dichiarato nemico della patria dal senato).

Poi andarono al potere gli imperatori della casa Flavia: Vespasiano (il primo di origini sociali modeste, concede il diritto di cittadinanza alla Spagna, esoso sul piano fiscale, mandò in rovina molti piccoli proprietari, pose fine alla guerra giudaica grazie all’opera del figlio Tito, che nel 70 distrusse Gerusalemme);Tito (attenuò le persecuzioni anticristiane, proseguì la politica paterna); Domiziano (supremazia concessa al principato, si fa chiamare “signore e dio”, protegge i piccoli proprietari contro la concorrenza delle province, promuove una grande persecuzione anticristiana, viene ucciso in una congiura). Alla sua morte s’impone il sistema dell’adozione (la scelta del migliore operata dall’imperatore).

Il primo però, Cocceio Nerva, venne eletto dal senato (diminuì le tasse, abolì le leggi di lesa maestà, richiamò gli esiliati politici, favorì classi meno abbienti, sfavorevole alle persecuzioni anticristiane, designò come successore il comandante Traiano); Ulpio Traiano (originario della Spagna, primo provinciale al trono, ammise in senato molti provinciali, anticristiano, l’impero con lui raggiunge la massima estensione); Elio Adriano (supremazia concessa al principato, favorì le province, distrusse nuovamente Gerusalemme nel 132, grande ammiratore della civiltà greca, inaugura la serie degli imperatori filosofi: Antonino Pio e Marco Aurelio); Antonino Pio (indifferente alla province, lasciò al senato ampia libertà di governo); Marco Aurelio (stoico, favorì emancipazione degli schiavi, tollera le persecuzioni, rispetta il senato, per la prima volta permette a talune tribù barbariche d’insediarsi nell’impero ottenendo in cambio uomini per l’esercito); Commodo (supremazia principato, tenta una monarchia teocratica servendosi della plebe, fissò un calmiere dei prezzi, favorì gli eserciti in tutti i modi, morì in una congiura). Siamo nel 193.

Settimio Severo (militare, ottiene il titolo dal senato, inaugura l’età dei Severi, crea una monarchia assoluta, si fa chiamare “dominus”, cioè “signore”, si servì di plebe-esercito-borghesia/cavalieri, equiparò per primo Italia e province, concedendo cittadinanza a intere città d’Africa e d’Oriente, morì contro i barbari); Caracalla (uccise il fratello che avrebbe dovuto governare con lui, concesse a tutti i sudditi liberi dell’impero la cittadinanza romana, ucciso dai suoi ufficiali); Macrino (a capo della congiura contro Caracalla, primo imperatore del rango equestre-borghesia e non senatorio, nonostante governo saggio e pacifico fu ucciso dai senatori e dai suoi soldati); Elagabalo (creò un senato femminile con a capo sua madre, concesse cariche statali rilevanti a liberti e schiavi, introdusse a Roma usi-costumi orientali, ucciso dai militari); Severo Alessandro (il primo a riconoscere un valore alla predicazione cristiana, ma siccome contro i germani dovette comprare la pace con l’oro, i suoi soldati lo uccisero).

Nuova anarchia militare (235-258). I soldati della Germania proclamano imperatore Massimino (primo barbaro sul trono romano, combatte contro i germani, aumenta la pressione fiscale, requisì molti latifondi, perseguitò i cristiani, ucciso dai suoi soldati). Dopo di lui gli imperatori si susseguono velocemente, quasi tutti proclamati dai militari e quasi tutti uccisi. I barbari militavano sempre più nelle file degli eserciti romani. Forti le persecuzioni anticristiane.

Imperatori illirici: con loro l’autocrazia militare mise del tutto in ombra il senato. Molte guerre antibarbariche. Il più importante fu Diocleziano, che trasformò lo Stato in una monarchia assoluta teocratica, ruppe tutti i legami tradizionali col senato e col popolo, riservò per sé la difesa della parte orientale dell’impero e diede quella occidentale a Valerio Massimiano (entrambi coadiuvati da due luogotenenti, Galerio Massimiano e Costanzo Cloro: “tetrarchia”, cioè “comando di 4”. Le leggi erano emanate dalla tetrarchia, ma la figura centrale resta Diocleziano). Ridusse tutte le province alle dipendenze dell’imperatore, divise il potere civile da quello militare (entrambi affidati a persone di rango borghese), creò una vasta burocrazia (ai cui ruoli poteva accedere chiunque). Fece corrispondere, ai fini tributari, un lavoratore-colono a un’unità di superficie di terra da lui lavorata: l’imposta da pagare era fissata in base a un rilevamento del reddito del terreno fatto ogni 5 anni (poi ogni 15). La tassazione era maggiore quanto minore era la densità demografica. Non si teneva conto di carestie, pestilenze, guerre. Creò poi un’imposta sulla ricchezza mobile, colpendo i prodotti di commercio, industria e professioni. Promulgò un editto sui prezzi massimi delle merci, per frenare l’inflazione, ma fu un fallimento perché si sviluppò il mercato nero.

Poi, vedendo che i coloni, per il duro fiscalismo, abbandonavano le terre, li obbligò a restare per tutta la vita (inclusi i figli) sul luogo di lavoro: chi perdeva i diritti civili diventava servo della gleba. Lo stesso per gli artigiani. Fortissime le persecuzioni anticristiane. Dopo 20 anni di governo Diocleziano abdicò insieme a Massimiano. Il sistema della tetrarchia continuò con altri imperatori fino alla guerra civile tra Costantino e Massenzio. La vittoria di Costantinoportò all’Editto di Milano (313) con cui si concedeva anche ai cristiani piena libertà di culto. La tetrarchia era finita. Costantino conservò sia la divisione dell’impero in 4 parti (ma solo a livello amministrativo), sia la distinzione dei poteri civili e militari, incrementò la burocrazia, fece una disastrosa riforma finanziaria, trasferì la capitale a Bisanzio (che chiamò Costantinopoli). Si servì del cristianesimo per motivi politici: esentò dalle imposte le proprietà ecclesiastiche, stabilì tribunali speciali per il clero, convocò il concilio di Nicea contro l’arianesimo, permise alla chiesa di ricevere ambasciatori, riconobbe la domenica come giorno festivo… Tra i suoi successori va segnalato Giuliano l’apostata, che cercò, ma inutilmente, di ripristinare il paganesimo come unica religione di stato.

Con Teodosio (Editto di Tessalonica, 380) il cristianesimo diventa l’unica religione di stato. Dopo di lui l’impero non fu più unito. In occidente i veri padroni erano i generali barbari. Uno di questi, Odoacre, preferì inviare le insegne imperiali al basileus, dichiarando di voler governare l’Italia come un suo luogotenente. L’imperatore conferì ad Odoacre il titolo di patrizio romano. La vita dell’Impero romano d’Oriente si protrarrà invece fino al momento della conquista di Costantinopoli da parte degli Ottomani nel 1453.

Nella sua massima espansione, l’Impero si estendeva, in tutto o in parte sui territori degli odierni stati di: Portogallo, Spagna, Andorra, Francia, Monaco, Belgio, Paesi Bassi (regioni meridionali),Regno Unito(Inghilterra, Galles, parte della Scozia),Irlanda (piccola parte della costa orientale), Lussemburgo, Germania (regioni meridionali e occidentali), Svizzera, Austria, Liechtenstein, Ungheria, Italia, Vaticano, San Marino, Malta, Slovenia, Croazia, Bosnia ed Erzegovina, Serbia, Montenegro,Koso, Albania, Macedonia, Grecia, Bulgaria, Moldavia, Ucraina (parte costiera sud-occidentale con Isola dei Serpenti e Podolia), Turchia, Russia, Cipro, Siria, Libano, Iraq, Armenia, Georgia, Iran, Azerbaigian, Israele, Giordania, Palestina, Egitto, Sudan (piccola parte e per limitato periodo di tempo), Libia, Tunisia, Algeria, Marocco, e Arabia Saudita (piccola parte).

Pur non essendo il più vasto impero mai esistito, spettando tale primato innanzitutto, per grandezza in km², all’  Impero Britannico e per continuità territoriale all’Impero Mongolo, quello di Roma è considerato il più grande per gestione e qualità del territorio, organizzazione socio-politica, e per l’importante segno lasciato nella storia dell’umanità. In tutti i territori sui quali estesero i propri confini i romani costruirono città, strade, ponti, acquedotti, fortificazioni, esportando ovunque il loro modello di civiltà e al contempo assimilando le popolazioni e civiltà assoggettate, in un processo così profondo che per secoli ancora dopo la fine dell’impero queste genti continuarono a definirsi romane. La civiltà nata sulle rive del Tevere, cresciuta e diffusasi in epoca repubblicana ed infine sviluppatasi pienamente in età imperiale, è alla base della civiltà occidentale

Durante il medioevo e anche in seguito numerose Nazioni aspirarono a divenire eredi dell’Impero romano o si rifecero ad esso, come l’Impero di Carlo Magno, il Sacro Romano Impero e più tardi l’Impero di Napoleone in Occidente o l’Impero serbo, l’Impero latino e, anche se solo in parte, l’Impero ottomano in Oriente. Queste entità continuarono ad usare i titoli adottati dall’Impero romano, così come le istituzioni politiche, sociali e giuridiche delle democrazie occidentali si ispirano a Roma ed alla sua storia millenaria.