ANIMALI SACRI NELL’ ANTICO EGITTO

ANIMALI SACRI NELL’ ANTICO EGITTO

ANIMALI SACRI NELL’ ANTICO EGITTO


Il culto di animali vivi, cui si è attribuito il nome di zoolatria, era talmente fiorente in Egitto da configurarsi come uno degli elementi caratterizzanti la sua religione. Non si sa esattamente quale sia l’origine di questo uso sacro che, secondo alcuni autori, rappresenterebbe una fase avanzata del totemismo primitivo.

Gli antichi animali dei clans sarebbero dunque diventati, in epoca predinastica, le divinità tutelari delle città nate da quegli stessi clan, e il sincretismo con altre divinità raffigurate sotto forme umane avrebbe creato gli dèi ibridi mezzo-uomo e mezzo-animale.
Tuttavia, fu soltanto in epoca bassa che ciascun nomos cominciò a venerare una particolare specie zoologica; in origine solamente un animale, scelto nell’ambito di una specifica specie in grazia di determinati segni particolari dettati dalla tradizione e dal rituale, veniva ospitato nel recinto del tempio e fatto oggetto di offerte, per poi essere mummificato e sepolto in gran pompa dopo la morte.

Il più noto tra questi animali sacri è il toro, adorato sotto il nome di Apis, di Mnevis e di Buchis. In epoca romana, Strabone fece notare che soltanto Apis e Mnevis erano considerati delle vere e proprie divinità, mentre tutti gli altri non erano che semplici bestie sacre. Esse erano tuttavia molto numerose, visto che se ne sono calcolate più di quaranta specie. Erodoto, che ha riferito un gran numero di dati sicuri, fornisce una lista di animali sacri: il coccodrillo (in alcuni nomoi, soprattutto del Fayyum), l’ippopotamo (nel nomos di Papremis), le lontre e infine i lepidopi e le anguille, che erano sacri al fiume…

D’altra parte, lo stesso Erodoto ci informa del fatto, confermato poi dai ritrovamenti archeologici, che gli animali morti venivano imbalsamati e inumati in particolari necropoli.
La città sepolcrale dei gatti era a Bubastis; quella dei toporagni e degli sparvieri a Buto; quella degli ibis ad Hermopolis; i cani e gli icneumoni venivano sepolti invece nei luoghi dove avevano vissuto.
Si sono inoltre rinvenute necropoli di coccodrilli a Kóm Ombo e Manfalut; falconi un po’ in tutto l’Egitto. Erodoto aggiunge inoltre che nel tempio di Zeus (Ammone) si inumavano serpenti consacrati al dio. Bisogna sottolineare che tutte queste necropoli risalgono alla bassa epoca, cioè a quel periodo della storia egiziana in cui le superstizioni avevano permeato di sé la religione popolare. Pare che gli animali considerati incarnazioni di divinità avessero degli appositi santuari; a Medamud, nei pressi di Tebe, si è riportata alla luce una cappella consacrata ad una divinità animale.

————————————
IL RUOLO DEGLI ANIMALI NELL’ ANTIOC EGITTO

Copyright 2008 Melanie Light

Per gli antichi egizi, gli animali sono stati creati dagli dèi e tenuto conto dei diritti pari a quella degli uomini. Videro animali non come i loro sudditi, ma piuttosto come esseri indipendenti, e li trattava con rispetto. A

Il Nilo servita come fonte di cibo ed è stato il fattore più importante per l’agricoltura della regione. I pesci sono stati abbondanti e può essere mangiato arrosto, bollito, salati, conservati, o semplicemente essiccati al sole. Perché il Nilo sarebbe alluvione ogni anno, è rivitalizzato la terra con l’acqua e limo fertile, arricchendo il terreno per la coltivazione del grano, frutta e verdura. Inoltre essa ha fornito erbe di spessore su cui gli animali sarebbero pascolo.

Il popolo dell’antico Egitto sono stati principalmente pescarian, nel senso che spesso mangiano pesce. Il Nilo fornito molti tipi di pesci, tra cui: pesce gatto, triglie, tilapia, storioni, anguille, carpe e persici, che sono stati tutti una fonte importante di nutrimento. Lungo il Nilo, c’erano le restrizioni sui tipi di pesce che può essere mangiata a causa delle loro connessioni con gli dèi. Il Faraone e gli altri sacerdoti si asterrà dal mangiare pesce del tutto perché è stato proibito da una delle loro divinità, come un cibo riservato ai contadini.

Il pane era il loro principale alimento, di grano e orzo. Di tanto in tanto, hanno integrato la loro dieta con antilope, che hanno cacciato. Di tanto in tanto hanno mangiato carne di maiale e di capra, che sono stati sollevati nelle aziende agricole.

Gli Egizi inoltre sollevato ovini, bovini, oche e anatre. Questi animali non solo ha fornito loro cibo, bevande, cuoio e pelli, ma anche aiutato con la loro vita quotidiana. Buoi e bovini sono stati usati per arare i campi, e gli altri animali sono stati usati per calpestare i semi nel terreno, e mangiare grano indesiderati.

Gli uccelli sono stati di estrema importanza per gli antichi Egizi come bene. Lungo il Nilo, la vita degli uccelli incluso il falco, il nibbio, oche, gru, aironi, piccioni, ibis, avvoltoio e la civetta. Numerosi gli uccelli sono stati effettivamente tenuti in branchi sacri e alcuni sono stati elevati in stato di diventare animali tempio. Dalla vasta collezione di opere d’arte antica egiziana, esistano prove di numerose specie di uccelli che sono ormai estinte.

Apicoltura cominciò in Egitto verso il 2500 aC nella V dinastia. Egiziani amato miele e avrebbero un enorme sforzo per coltivarla. Essi non solo allevamento delle api, ma anche attivamente uscì e cercato per il miele di api selvatiche. Avrebbero utilizzare cera d’api per imbalsamazione, le offerte agli dei, le medicine, il trucco, e come collante. Hanno chiamato le api dopo che il dio toro Api-like chiamato perché riteneva di avere caratteristiche simili. (L’storico Erodoto descrisse questo toro come nero, con un diamante bianco sulla fronte e due capelli bianchi sulla coda).

I cavalli sono stati introdotti molto più tardi nella società egiziana – intorno al 1500 aC. Essi erano uno status symbol per i proprietari e sono stati utilizzati principalmente per effettuare carri in battaglia e per le occasioni cerimoniali. I cavalli sono stati raramente cavalcato e se sì, solo da royalty. Sono stati curati e nomi individuali. Gli asini sono stati i principali bestie da soma. Sono stati usati come animali da soma e per l’esecuzione pesanti fasci di grano dal campo per l’aia. asine, che ha prodotto più alto contenuto proteico e più dolce di latte vaccino, sono stati tenuti come animali da latte.

La caccia era visto come un simbolo di padronanza delle forze di polizia. Egizi credevano fosse il loro ruolo di conquistare la terra. I cani, levrieri simili, li avrebbe aiutati durante la caccia. Esistono prove fornite da dipinti tomba che gli antichi egizi a volte portava con sé ghepardi che aveva domato.

I cacciatori conoscevano bene i loro animali. Hanno studiato le loro caratteristiche, comprese le loro abitudini alimentari e di accoppiamento. Questa conoscenza ha determinato un grande rispetto per gli animali e li aiutati nella caccia. Spesso, essi sarebbero i gatti cacciano grande, che non sono stati sempre uccisi. mammiferi giungla C più piccoli e gatti selvatici, come il ghepardo, venivano spesso tenuti come animali domestici della famiglia. Ramses il Grande si dice che abbia avuto un leone animale domestico.

Cane, gatti, scimmie, uccelli e anche una parte della famiglia nucleare. Così sono stati dedicati a queste persone ai loro antichi animali domestici, che previo superamento dell’animale, sarebbero spesso compiono i riti e rituali stesso come farebbe per qualsiasi altro membro della famiglia. Animali e animali sacri erano mummificati e messi nei cimiteri speciali. Gli animali che apparteneva alla famiglia reale del Faraone erano mummificati e sepolti con loro in modo da poter continuare nell’aldilà insieme. L’iscrizione a seguito di un cane molto amato è stato trovato in una tomba risalente alla dinastia 5 o 6:

“Il cane che è stato la guardia di Sua Maestà. Abuwtiyuw è il suo nome. Sua Maestà ordinò che venisse sepolto, che egli ne riceva una bara dal tesoro reale, bisso in grande quantità, incenso. Sua Maestà ha dato unguento profumato e ordinò che essere una tomba costruita per lui dalla banda di muratori. Sua Maestà ha fatto questo per lui in modo che egli potrebbe essere “onorato. 1

Per molti anni, mummie di animali sono stati trascurati, mentre la ricerca continuava a riguardo mummie umane e altri tesori rinvenuti nelle tombe. Lo studio di questo precedentemente trascurato di Egittologia è finalmente cambiata, grazie al lavoro del dottor Salima Ikram, uno dei maggiori esperti di archeologia funeraria egiziana. Dr. Ikram è il fondatore e co-direttore della Mummia Animale Progetto del Museo del Cairo. Questo progetto ha gettato nuova luce sul passato, rivelando le tecniche di mummificazione e le relative motivazioni. Per quanto riguarda queste ultime, ci dice il dottor Ikram quattro ragioni per cui gli animali sono stati mummificati.

1.sono erano mummificati perché erano sacri. 2. Essi sono stati mummificati per compiacere le divinità di origine animale (cioè come offerta agli dei). 3. Gli antichi Egizi credevano che l’aldilà inclusi animali. Pertanto, essi volevano loro animali di continuare con loro nell’aldilà. 4. Un certo numero di animali sono stati mummificati, al fine di fornire cibo per l’eternità.

Queste tombe antiche sono capsule del tempo pieno di tesori antichi, molti dei quali stiamo ancora decifrando e cercando di capire. Alcune delle scoperte tomba sono stati fatti oggetti di prodotti animali, che sono stati utilizzati in molti modi. Ossea è stato abbondante e gli antichi Egizi lo stile in gioielli e punte di freccia. Colla è stata fatta da pelle d’animale e di nervi. Le piume sono stati usati come ornamenti. Twisted budella e nervi sono stati utilizzati nella fabbricazione di strumenti a corda. Avorio di solito veniva da ippopotami Nilo e sono stati utilizzati per la scultura pettini e gioielli.

sepolture egiziano spesso incluso scolpite creta e figure in legno intagliato, strumenti e utensili, nella speranza che avrebbero servizio i morti nell’aldilà. Questi erano spesso parte di un diorama in miniatura più grande o di scene tridimensionali. Perché molti di questi modelli elaborati sono stati trovati nelle tombe delle famiglie reali, abbiamo imparato molto circa i costumi di questo popolo. Per esempio, ci sono modelli in miniatura di macellerie, scene di contare e controllare il bestiame, e le scene di aratura dei campi. Ci sono meravigliosamente dipinti murali dettagliati e rilievi che decorano le tombe, dandoci ulteriori informazioni sulla vita quotidiana nell’antico Egitto. E ‘interessante notare che gran parte di questo è rimasta nascosta per 4.000 a 5.000 anni.

Come Robert Fulford ha scritto: “… Perché le tombe erano nascosti così bene, molti di loro è rimasto intatto fino a circa 200 anni fa, quando il mondo moderno ha cominciato la loro scoperta e facendo leva sono aperti, uno dopo l’altro, nella meraviglia ed eccitazione e gratitudine. E così la nostra civiltà, attraverso la collaborazione di tomba-ladri, studiosi e appassionati d’arte, è venuto a sapere molto di più su Egitto di quanto sarebbe altrimenti possibile “.

http:oi.uchicago.eduOIMUSEDTRCEGYPTanimals.html

Annunci

Privacy Policy Cookie Policy

error: Content is protected !!