alla sera foscolo figure retoriche

alla sera foscolo figure retoriche

Figure retoriche:

Anastrofe: v. 1: “Forse perché della fatal quïete/Tu sei l’immago a me sí cara vieni”;

Allitterazioni: 14; v. 7; v. 2; v. 6; vv. 9-10: “spiRto, gueRRieR, entRo, Rugge”; “Sempre, Scende, Secrete”; “iMMago, Me, vieNi”; “teNebre e luNghe all’uNiverso MeNi”; “orMe / che vaNNo al Nulla eterNo e iNtaNto”. C’è un’alternanza, in tutto il sonetto, tra suoni lievi nelle quartine (vocali “i” ed “e”, ad esempio in “quiete; vieni, liete…”) e suoni duri nelle terzine vocali “o” ed ”u” (“nulla”, “cure”, “rugge”…), consonante “r”

Anafore: 3 e 5: “e quando…e quando”

Enjambements: 5-6; vv. 7-8; vv. 10-11; vv. 13-14: “inquiete / tenebre”; “secrete / vie”; “fugge / questo reo tempo”; “dorme / quello spirto guerrier”

Apostrofe: 3: “o sera”

Metafore: 14: “fatal quiete”; “spirto guerrier ch’entro mi rugge”

Antitesi (accostamento  di  due  parole  o  frasi  di  significato  opposto): 13-14: “dorme / quello spirto guerrier ch’entro mi rugge

Chiasmo: vv. 13-14: “dorme/guerrier”, “pace/rugge”;


Schema  metrico  e  rime:  sonetto  (14  endecasillabi  raggruppati  in  due

quartine e due terzine). Rima: ABAB ABAB CDC DCD.